Varsavia: manifestazione per il giornalista arrestato in Bielorussia

·1 minuto per la lettura

A Varsavia si torna a manifestare in modo pacifico per chiedere la liberazione del corrispondente in Bielorussia del maggior quotidiano polacco Andrzej Poczobut.

Il giornalista è stato incarcerato a Grodno sei mesi fa e da allora è ancora detenuto con l’accusa di aver diffamato il presidente Alexander Lukashenko. Inneggiando alla libertà di parola sono scesi in piazza attivisti polacchi, rappresentanti dei partiti politici e di varie ONG.

"Aleksander Lukashenko è entrato in una spirale terrificante, ha intrapreso la strada che fu di Hitler e Stalin, dittatori che hanno ucciso i migliori cittadini dei loro paesi - ha detto Adam Michnik, caporedattore della Gazeta Wyborcza, il giornale dove lavora Poczobut -. Sono tuttavia convinto che la Bielorussia tornerà libera e democratica".

Non è la prima volta che il corrispondente viene arrestato. Sulla vicenda era intervenuto anche il premier polacco Mateusz Morawiecki, chiedendo alle autorità bielorusse di "risolvere i loro problemi interni in pace, senza prendere ostaggi".

La Bielorussia è stata travolta da un’ondata di perquisizioni dal 9 agosto 2020 quando sono scoppiate le proteste per la rielezione del presidente Lukashenko tra accuse di brogli e frodi elettorali. Nel mirino giornalisti, sindacalisti e attivisti per i diritti umani.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli