Vasco Brondi: "I punk sono veri San Francesco. Fedez? Un'anomalia: ha detto ciò che sentiva"

·Giornalista e blogger
·2 minuto per la lettura
Vasco Brondi (Photo: MAX CARDELLI)
Vasco Brondi (Photo: MAX CARDELLI)

Vasco Brondi ha iniziato più di quindici anni fa suonando il basso in un gruppo punk. Poi il basso l’ha venduto su eBay, è finito su un’isola greca, mentre il punk continua a uscire dalla sua musica sotto forma di fede più che di suono: “Da giovane ho incontrato vari San Francesco per strada. Persone che vivevano senza un soldo in tasca, né tantomeno in banca, apertamente contro il sistema sociale, sole con il proprio corpo. Testimoniavano, con la propria vita, l’assoluto: l’idea che ci fosse un modo di salvarsi l’anima. Non erano preti. Anzi non appartenevano a nessuna grande religione costituita. Erano punk. E sono stati i veri San Francesco della mia vita”.

Dopo dieci anni con le Luci delle centrale elettrica – nome di un gruppo composto solo da se stesso, con il quale è riuscito sporcare il bel canto della canzone italiana con la furia della chitarra acustica distorta – Vasco Brondi ha fatto uscire il suo primo disco firmato col suo nome e cognome. Il titolo è “Paesaggio dopo la battaglia”. In copertina, ha una foto inedita di Luigi Ghirri e, all’interno di un brano, il Sant’Agostino dell’“amate e fate quello che volete”. Nelle canzoni si nomina il sacro, si parla di voci altissime, Notre-Dame a fuoco, dei sentieri degli Dei. Lo si ascolta in balìa di una forza di gravità ribaltata, che, anziché spingere verso il basso, solleva in verticale.

“Noi tendiamo a credere che sia la politica a mandare avanti il mondo. Invece, siamo vivi perché il sole rimane acceso. Non esistono solo le leggi della città, ci sono anche quelle dell’universo. Le canzoni danno la possibilità di aprire uno spiraglio verso la trascendenza. Nel proprio piccolo, vanno nella stessa direzione in cui Picasso diceva che va l’arte: togliere la polvere dei giorni e farci sentire il pulsare della vita&rdq...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli