Vaticano prende distanze da nunzio uscente su Francisco Franco

Ska

Città del Vaticano, 18 lug. (askanews) - La Santa Sede prende le distanze dal nunzio apostolico uscente in Spagna, mons. Renzo Fratini, che, all'avvicinarsi della fine del suo mandato, aveva pubblicamente criticato il governo di Pedro Sanchez per avere preso la decisione di rimuovere le spoglie di Francisco Franco (1892-1975) dal memoriale dei caduti durante la guerra civile, il Valle de los Caídos (valle dei caduti), a cinquanta chilometri da Madrid.

"In occasione della partenza definitiva dalla Spagna di Mons. Renzo Fratini, dopo la conclusione del mandato, sottolineiamo che le sue recenti dichiarazioni sulla questione dell'esumazione dei resti mortali di Francisco Franco sono state espresse a titolo personale", ha dichiarato il direttore "ad interim" della Sala Stampa della Santa Sede, Alessandro Gisotti, rispondendo alle domande di alcuni giornalisti. "Ricordiamo inoltre che l'ex Nunzio Apostolico in Spagna ha già smentito, a mezzo stampa, ogni intenzione di esprimere un giudizio su questioni politiche interne. In tale circostanza, ribadiamo ancora una volta che la posizione della Santa Sede sulla vicenda dell'esumazione di Franco è chiara ed è stata già espressa ufficialmente nella lettera che il Segretario di Stato, Cardinale Pietro Parolin, ha inviato nel mese di febbraio scorso alla Vice-Presidentessa del governo spagnolo, Carmen Calvo, ed ulteriormente ribadita dal Segretario Generale della Conferenza Episcopale Spagnola. Tale posizione si basa sul pieno rispetto della sovranità dello Stato spagnolo e del suo ordinamento giuridico".

In una intervista a Europa press, il nunzio aveva affermato: "Onestamente ci sono così tanti problemi nel mondo e in Spagna, perché farlo risorgere? Lo hanno fatto risorgere. Sarebbe stato meglio lasciarlo in pace". Commenti poco graditi alla vicepremier Carmen Calvo, che ha ricordato come già in passato abbia avuto "numerose conversazioni difficili" con il rappresentante pontificio. Del quale a inizio luglio il Papa, allo scoccare dei 75 anni, ha accettato le dimissioni per raggiunti limiti di età.