Vaticano, taglio stipendi: petizione dipendenti al Papa

·8 minuto per la lettura

Petizione a Papa Francesco dopo i tagli agli stipendi dei dipendenti vaticani. Dichiarando "amarezza" per le modalità del provvedimento, i lavoratori della Santa Sede chiedono a Bergoglio di incontrare una loro delegazione, non senza aver prima evidenziato "le enormi criticità che caratterizzano l’intero sistema e che lo inducono a sprecare molto denaro" e la necessità di un "rigido inquadramento salariale dei dirigenti laici entro limiti ben precisi, coerenti con lo spirito di servizio e sacrificio cui ci si appella sempre rivolgendosi a noi impiegati".

"Per cosa stiamo pagando, Santità? Per le casse dell’Obolo destinato ai poveri, per aumentare gli stipendi ai dirigenti laici o per le costosissime consulenze esterne di cui si servono regolarmente?", è la drammatica domanda posta dai dipendenti vaticani, che puntano il dito contro i "vantaggi eccezionali" su cui invece a loro dire possono contare i manager laici: "Occupano splendidi appartamenti dell’Apsa, posizionati nelle zone più prestigiose di Roma, senza corrispondere alcun affitto all’Amministrazione in questione (si potrebbe fare un calcolo delle mancate entrate da affitti per gli immobili occupati per 'privilegio') e senza farsi carico di alcuna spesa di ristrutturazione, contrariamente a noi impiegati che paghiamo tutto - si legge nella petizione - Oltre alla gratuità dell’affitto vorremmo menzionare macchine per uso privato, sconti sugli acquisti, segretari ad essi dedicati, rimborsi spese di varia natura".

"Il vero problema è che il Vaticano è basato su un sistema di privilegi che risultano deleteri sia a livello economico che reputazionale", si sottolinea del documento evidenziando come ad esempio i contratti “fuori parametro” dei manager laici "non smettono di destare stupore, variando dai 6.000 ai 10.000 fino ai 25.000 euro mensili. Troppo, per un sistema come il nostro, che dovrebbe basarsi sullo spirito di 'servizio alla Chiesa'".

"A nostro parere, occorrerebbe un approfondimento in merito ed eventualmente una riforma -si sottolinea - Ciò che è più grave, in riferimento al Motu Proprio, è l’esclusione delle categorie più agiate dalla decurtazione degli stipendi nonostante il riferimento, all’interno della lettera apostolica, a criteri di 'proporzionalità e progressività'.

Ecco il testo integrale della petizione dei dipendenti vaticani

"Santità, ci permettiamo di rivolgerci alla Sua benigna attenzione per esprimerLe rammarico e profondo scoraggiamento per quanto disposto nel Motu Proprio del 24 marzo u.s., il cui testo Le è stato proposto dai Superiori della Segreteria per l’Economia.

Nonostante l’onorevole finalità di coprire, almeno parzialmente, il deficit di bilancio della Santa Sede attraverso l’introduzione del taglio degli stipendi di Cardinali, ecclesiastici, religiosi, Superiori laici (solo alcune categorie e sulla quota base) nonché la sospensione degli scatti biennali d’anzianità degli impiegati, non possono sfuggire a un lettore attento le incoerenze che comunque permangono nel Vaticano e che rendono questo provvedimento troppo sbilanciato a discapito dei lavoratori onesti.

Innanzitutto, il “futuro sostenibile” è un traguardo difficilmente raggiungibile nell’immediato. Volerlo fare nel breve termine non può che comportare un intervento troppo invasivo sui diritti dei lavoratori, privandoli dei benefici di cui già limitatamente godono, soprattutto a seguito dell’Officio N. 004445 G.N. del Segretario di Stato datato 13 febbraio 2014. Il blocco delle assunzioni (con inevitabile sovraccarico degli impiegati già in servizio), la sospensione di promozioni e passaggi di livello funzionali (nonostante le accresciute responsabilità lavorative), il mancato pagamento delle ore di lavoro straordinario, il recupero gratuito delle ore spese obbligatoriamente in casa nel periodo del lockdown con impossibilità di lavorare in smart-working, e ora il taglio degli scatti biennali di anzianità, non fanno che aggravare le condizioni di lavoro dei dipendenti vaticani. Non possiamo fare a meno, Santità, di citare il concetto di “giusta ricompensa” di cui si parla nel Vangelo di Matteo (Mt 20, 1-16) o o “la debita mercede” cui si fa riferimento in Ger 22,13 o Gc 5,4. Quanto dovremo sacrificarci ancora per pagare un deficit di bilancio che non deriva certo dal nostro malfatto?".

"Gli scatti di anzianità dovrebbero compensare tutto ciò che il Vaticano, rispetto ad aziende private, non contempla (bonus produttività, promozioni in base agli obiettivi raggiunti, sistema meritocratico di selezione e crescita professionale, ecc.). Crediamo che l’attuale contesto non si presti ad accogliere interventi così radicali, almeno fintantoché non verranno messi in atto cambiamenti lungimiranti e perspicaci, in grado di trasformare la struttura nel profondo. Con grande amarezza dobbiamo constatare che molte delle proposte di riforma avanzate dal Consiglio per l’Economia circa le Risorse Umane non sono state seriamente considerate.

Pensiamo di essere in linea con Vostra Santità nell’appellarci ai principi della Dottrina Sociale della Chiesa, tra cui il rispetto della dignità del singolo e la promozione di una società giusta, per chiedere la sospensione di alcuni di questi provvedimenti restrittivi del personale, soprattutto la reintegrazione dei bienni con effetto retroattivo. Non si può non tener conto, peraltro, delle difficoltà economiche che le famiglie di oggi sono chiamate a fronteggiare a causa della pandemia. Continuando in questa direzione, Santità, il sistema diventerà sempre più privativo, anti-meritocratico e disincentivante. Secondo le più elementari teorie della psicologia del lavoro, queste strategie non solo non ripagano nel lungo periodo, in termini di motivazione, soddisfazione personale e produzione, ma sono un boomerang a livello di rendimento".

"In particolare, le criticità che emergono dal nostro sistema sono:

1.Disparità di trattamento

Non tutti gli Enti sembrano uniformarsi alle disposizioni espresse dalla sopracitata circolare del Cardinale Segretario di Stato del 13 febbraio 2014. Molti dicasteri hanno continuato ad assumere personale, a concedere livelli funzionali e a pagare straordinari. Altri, invece, hanno completamente bloccato la crescita del personale, sotto tutti gli aspetti, mantenendolo perfino allo stato in cui lo si è assunto diversi anni prima. All’interno di uno stesso ente, peraltro, risultano evidenti disparità di trattamento verso gli impiegati che non sono più tollerabili.

2.Privilegi da abolire

Il vero problema è che il Vaticano è basato su un sistema di privilegi che risultano deleteri sia a livello economico che reputazionale. Un capitolo a parte merita l’analisi del trattamento di cui sembrerebbero beneficiare i manager laici, i cui presunti contratti “fuori parametro” non smettono di destare stupore, variando dai 6.000 ai 10.000 fino ai 25.000 euro mensili. Troppo, per un sistema come il nostro, che dovrebbe basarsi sullo spirito di “servizio alla Chiesa”. A nostro parere, occorrerebbe un approfondimento in merito ed eventualmente una riforma. Ciò che è più grave, in riferimento al Motu Proprio, è l’esclusione delle categorie più agiate dalla decurtazione degli stipendi nonostante il riferimento, all’interno della lettera apostolica, a criteri di “proporzionalità e progressività”. Infatti, i livelli C2 e C3 dei manager laici non sono stati inseriti. Inoltre, alcuni di essi sono inquadrati come art. 11, quindi esclusi. Proprio perché beneficiari di contratti decisamente onerosi per lo Stato Vaticano, anch’essi dovrebbero essere interessati dalle nuove disposizioni, in quanto operanti in territorio vaticano in questo momento storico così infelice. Inoltre, i livelli C e C1 sono interessati solo per quel che concerne la quota base dei loro stipendi. Quindi, per esempio, se un manager guadagna 10.000 euro al mese ed è inquadrato al livello C1, la riduzione del suo salario verrà applicata non all’intera somma, ma solo ai circa 3200 euro che rappresentano la paga base. Facendo qualche rapido calcolo in termini percentuali, non si riesce a vedere alcuna proporzionalità".

"Per cosa stiamo pagando, Santità? Per le casse dell’Obolo destinato ai poveri, per aumentare gli stipendi ai dirigenti laici o per le costosissime consulenze esterne di cui si servono regolarmente? Peraltro, questi manager possono contare su una serie di vantaggi eccezionali. In primo luogo, essi occupano splendidi appartamenti dell’APSA, posizionati nelle zone più prestigiose di Roma, senza corrispondere alcun affitto all’Amministrazione in questione (si potrebbe fare un calcolo delle mancate entrate da affitti per gli immobili occupati per “privilegio”) e senza farsi carico di alcuna spesa di ristrutturazione, contrariamente a noi impiegati che paghiamo tutto. Oltre alla gratuità dell’affitto vorremmo menzionare macchine per uso privato, sconti sugli acquisti, segretari ad essi dedicati, rimborsi spese di varia natura.

3.Modalità

Non si può fare a meno di mostrare amarezza di fronte alla modalità con cui i Superiori della SPE hanno deciso di raggiungere tale obiettivo così mortificante per i dipendenti, senza interpellarli in alcun modo e permettere loro un contraddittorio. Sacrificarsi per un bene comune va bene, a condizione che lo si faccia in proporzione alle possibilità economiche del singolo e dopo aver risolto le enormi criticità che caratterizzano l’intero sistema e che lo inducono a sprecare molto denaro".

4.Conclusioni

Nel ribadire la necessità di creare un sistema più incoraggiante e meno punitivo per i dipendenti vaticani, che passi attraverso una seria riflessione sulle Risorse Umane e l’implementazione di una riforma strutturale, siamo a chiedere, Santità, la reintroduzione dei bienni in tempi brevi con effetto retroattivo e conseguente sterilizzazione degli effetti sulla pensione nonché un rigido inquadramento salariale dei dirigenti laici entro limiti ben precisi, coerenti con lo spirito di servizio e sacrificio cui ci si appella sempre rivolgendosi a noi impiegati.

Certi della Sua comprensione e permettendoci di avanzare la proposta di incontrare una nostra piccola delegazione, ci valiamo della circostanza per confermarci con sensi di profonda stima".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli