Vauro: "Bella Ciao? Dovrebbe sostituire Inno di Mameli"

·1 minuto per la lettura

"Fosse per me Bella Ciao sostituirebbe addirittura l'Inno di Mameli, intanto perché più bella; inoltre perché è veramente una canzone della Repubblica italiana nata dalla resistenza anti fascista; infine perché è un inno alla libertà, adottato in tutto il mondo e cantato in più lingue". Ne parla con l'Adnkronos il vignettista Vauro Senesi che afferma: "Se c'è una storia di cui l'Italia può andare orgogliosa è quella della Resistenza che ha fatto nascere la Repubblica. Non mi stupisce l'indignazione della destra italiana, ammiccante e per lo meno omertosa, che come minimo dovrebbe dichiarare il suo anti-fascismo, come dovrebbe essere in un'Italia democratica".

"La Meloni afferma di avere un rapporto sereno con il fascismo, che avrebbe commesso qualche errore. Salvini dice che 25 aprile è il giorno del derby tra fascisti e comunisti - rammenta il vignettista - Ma non ricordo una netta condanna del fascismo da parte di questa destra e sto ancora aspettando la querela annunciata dalla Meloni. Sarei infatti felice di aver dimostrato che Fdi è un partito anti fascista. Perché se non si è dichiaratamente anti - osserva - si cavalca il fascismo. Sostengono che il fascismo è morto: rispondo 'magari!'. Ma in genere sono i mafiosi a dire che la mafia non esiste".

Bella Ciao è la canzone rielaborata delle mondine? "Anche la loro era di libertà e riscatto, unitaria ed antifascista. Dove unitaria - incalza Vauro - non significa che sarà la canzone di tutti, perché non potrà mai esserci una canzone nella quale si riconoscano i fascisti. La libertà - conclude - è importante per un paese che vuole aspirare all'unità. Ma non è conciliabile con chi la nega. E la ha negata". (di Roberta Lanzara)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli