Vauro: "Canal+? Rivendico diritto a cazzata anche dai francesi"

webinfo@adnkronos.com

di Roberta Lanzara "Non provo un sussulto nazionale per il video francese della pizza Corona di Canal Plus. Né per la sua avvenuta rimozione. Né per il Coronavirus, che chiamerei il 'Coronapalle', dato che ci hanno fatto due palle così! Citando Ugo Tognazzi 'rivendico il diritto alla cazzata' anche per i francesi". A parlare 'scoppiettante' all'Adnkronos è il vignettista Vauro Senesi che commentando le modalità gestionali dell'emergenza Covid-19 in Italia afferma: "Se la nostra classe politica fosse meno idiota, sospetterei un complotto, un tentativo di Golpe. Ma non ne sono convinto. Ci vuole fantasia anche per quello". 

Il satirico ribadisce: "Non è un buon pulpito quello da cui viene la predica. Ricordo che non un comico, non un satirico ma un presidente della Regione (il governatore del Veneto Luca Zaia - ndr) ha sostenuto di aver visto video di cinesi mangiatori di topi vivi". Quindi Vauro vivacemente incalza: "I francesi si sono scusati ed il video è stato rimosso. Si è scusato pure Zaia, ma lui... non è stato rimosso". 

"Il video di Canal plus - spiega il vignettista - è un filmato satirico alla Charlie Hebdo che tende a rendere grottesche e ad esasperare in modo irriverente alcune situazioni", come la gestione dell'emergenza Covid-19 in Italia. "Ma - apostrofa provocatorio - ci si può meravigliare del fatto che il nostro Paese all'estero non sia credibile quando un governatore della Lombardia è l'attore protagonista di un filmato ormai diventato virale in cui maldestramente prova con doppio tentativo a mettersi una mascherina inutile? O quando una Regione invita gli over 65 a restare a casa? Io - ironizza - il 24 marzo compio 65 anni. Dunque adesso me la godo come un maiale e poi mi recludo". 

Allarme Coronavirus? "Il virus letale è quello della mediocrità - risponde Vauro - In queste settimane abbiamo assistito alla gara degli imbecilli. A Salvini che accusava il Governo, il quale a sua volta invece di rispondere con un 'sei cretino', copriva tutte le possibili critiche di zone rosse, gialle, tamponi...".  

La realtà? "Se pensassi che abbiamo una classe politica meno idiota - replica - mi verrebbe un sospetto complottista. Sembra la vecchia equazione: 'Vi do garanzie in cambio di libertà'; qui si parla di sicurezza sanitaria, ma il criterio è simile. E' un pensiero cattivo e malevolo di cui io non sono convinto perchè credo che i nostri politici nel loro complesso non possano immaginare un colpo di Stato o una gestione di golpe - chiosa - Ci vuole fantasia anche per quello".  

Quindi il vignettista apre una parentesi e conclude: "Oggi è morto a Vercelli Stefano Mazino, un operaio di 32 anni. Dall'inizio dell'anno i morti sul lavoro sono più di 75. Io non voglio fare un raffronto di macabre contabilità né contestare l'allarme Coronavirus. Ma mi chiedo: perchè non c'è un'emergenza morti sul lavoro, nulla togliendo al Covid-19? Forse perchè le 'morti bianche' rientrano nella normalità? Se è così, vuol dire che questo nostro Paese è in stato di normale criticità; Cioè - rimarca - che l'emergenza è la normalità in Italia".