Vauro: ''Mia difesa Pio e Amedeo ha scatenato strali su social da sinistra''

·1 minuto per la lettura

"Dopo aver difeso il monologo satirico di Pio e Amedeo e aver postato la mia intervista rilasciata all'Adnkronos sul mio profilo facebook, sono stato tempestato da oltre 700 commenti di critiche, soprattutto da parte di gente di sinistra''. E' quanto racconta Vauro all'Adnkronos. Il vignettista, spiega che si è visto così costretto a postare un video per chiarire la sua posizi one: ''Io non ho difeso il duo comico -dice nel video- ho visto il loro monologo e mi sembrava piuttosto chiaro che si scagliassero contro questa dittatura del politically correct. Non mi ha sorpreso la sdegnata reazione di un sacco di benpensanti, spesso di sinistra o quello che la sinistra era - prosegue Vauro - siete convinti davvero che parole come 'frocio' o 'negro', messe in un contesto che chiaramente è grottesco e satirico, siano offensive? Quando quelle stesse parole vengono usate da leader politici, quelli sì capaci, e con la volontà di parlare ai peggiori istinti della pancia? Politici che parlano di 'invasioni', di 'clandestini', distinguendo i clandestini dagli immigrati? Però lì siamo nella piena correttezza?'', chiede ironico. ''La satira non è comicità -sottolinea- la satira ha un suo linguaggio, che è quello del paradosso, del grottesco, delle esasperazioni anche delle contraddizioni del conformismo ma noi a sinistra -dice ironico- ormai pensiamo solo a fare grandi battaglie di forma e nessuna battaglia di sostanza. Continuate così Compagni, continuate!'', conclude nel video.