Vecchioni: “Se qualcosa della musica deve passare alla storia sarà Guccini non Fedez”

·1 minuto per la lettura
- (Photo: Marco Cantile via LightRocket via Getty Images)
- (Photo: Marco Cantile via LightRocket via Getty Images)

“Oggi nessuno riesce ad accettare le critiche. Per me nella comunicazione musicale di oggi c’è del bello e del brutto, c’è molta roba inutile e cioè ripetitiva. Quando la canzone indie, pop e rap dice continuamente le stesse cose: cambia l’autore, l’interprete ma i temi sono sempre quelli. Si dicono sempre le stesse cose”. Così Roberto Vecchioni dal palco del Passaggi Festival di Fano.

Il cantautore ha proseguito: “Mi piace moltissimo, però, chi inventa. La mia generazione è una generazione di sentimento, di emozione, non di giochi verbali. Però sono giochi che piacciono ai giovani. A loro le emozioni arrivano anche così, e non possiamo dargli torto”.

E ancora: “Il mondo è una struttura, anche la musica cambia, ci sono nuove strade. Ma se devo essere sincero, secondo me, se qualcosa deve passare alla storia sarà Guccini e non Fedez”. Però, conclude l’artista, “questo non significa che uno non possa essere professionista”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli