Vedova amb. Attanasio: indagini su strada giusta, attendo verità

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 25 ott. (askanews) - "Io sento che la strada giusta è stata presa e bisogna solo raddoppiare gli sforzi perché la verità possa arrivare più velocemente. Per noi la verità non c'è ancora". Lo ha detto Zakia Seddiki, vedova di Luca Attanasio, ambasciatore dell'Italia a a Kinshasa ucciso lo scorso febbraio nella Repubblica democratica del Congo durante una missione.

Per la moglie, qualcuno non ha protetto il diplomatico in quel momento. "Il protocollo della sicurezza in quel momento non è stato rispettato. Dobbiamo lasciare che le persone che si stanno occupando di questo trovino la risposta. È stato strano e per quello aspettiamo delle risposte" ha aggiunto.

"Io ci credo a questa verità e l'aspetto per le nostre bimbe e non solo, anche per gli italiani. Lo dobbiamo a Luca e questo giorno io lo aspetto. Le indagini sono in corso quindi novità adesso non ci sono ma ci fidiamo che l'Italia ci aiuterà ad arrivare alla verità. Tutte le persone che possono partecipare nel trovare la verità ci aspettiamo che facciano la propria parte" ha proseguito a margine della presentazione del Festival della missione in programma a Milano dal 29 settembre al 2 ottobre 2022.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli