Veicoli Commerciali: Unrae, a novembre ancora calo a doppia cifra (-12,4%)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 16 dic. – (Adnkronos) – Terzo calo consecutivo a doppia cifra per il mercato veicoli commerciali a novembre. Secondo le stime del Centro Studi e Statistiche Unrae, le immatricolazioni di questo comparto nello scorso mese si sono fermate a 15.800 unità, con un forte calo del 12,4% rispetto a novembre 2020 e un calo più contenuto del 4,5% sul 2019. Il cumulato dei primi 11 mesi indica 167.990 veicoli immatricolati, in linea con le 168.645 unità dello stesso periodo 2019 (-0,4%), ma ovviamente in rimbalzo rispetto al periodo gennaio-novembre 2020 (+18,2%) penalizzato dal lockdown.

Il clima generale di ripresa delle attività economiche – secondo l’Associazione che rappresenta le Case estere operanti sul mercato italiano – "difficilmente si rifletterà in tempi rapidi sul mercato dei veicoli commerciali, ancora frenato dalla congiuntura negativa che interessa tutto il settore dell’automotive". In questo contesto, per i veicoli commerciali l’Unrae prevede una chiusura d’anno a 183.000 unità, in calo del 3% sul 2019.

Commentando i dati di novembre il Presidente dell’Unrae Michele Crisci ribadisce la necessità di spingere il rinnovo del parco circolante: “Il percorso per la transizione energetica del trasporto merci passa obbligatoriamente attraverso il rinnovo del parco circolante, una via che richiede una strategia di medio periodo, con incentivi triennali e interventi progressivi a seconda della motorizzazione, prevedendo per i veicoli a combustione tradizionale incentivi erogati solo a fronte di rottamazione. Inoltre – conclude Crisci – è auspicabile prorogare fino al 2024 e portare dal 6% al 12% il credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali”. (segue)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli