Vela: Gianfranco Sibello, 'finale immensa di Luna Rossa, determinante differenza di velocità'

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 18 mar. (Adnkronos) – "Luna Rossa ha centrato la maggior parte dei suoi obbiettivi tranne il risultato, che è stato determinato dalla differenza di velocità fra le due barche e che si è sviluppato nell'arco della settimana delle regate di finale. Nei primi due giorni di regate dell'America's Cup le due barche erano quasi equivalenti. I neozelandesi sono stati molto bravi a migliorare la prestazione della barca nell'arco della settimana e questo è stato determinante". Così Gianfranco Sibello, fratello del tattico e randista del team italiano Pietro, parla con l'Adnkronos delle sfide dell'America's Cup con Team New Zealand che ha avuto la meglio su Luna Rossa per 7-3.

"Il fattore determinante è stato il fatto che Luna Rossa arrivava dalla Prada Cup e questo li ha portati a conoscere meglio la barca, mentre New Zealand questo iter lo ha svolto in quei pochi giorni dall'inizio della finale. E hanno lavorato sui punti deboli in relazione a Luna Rossa, su quello che serviva per batterci, ed hanno soprattutto adattato la barca al modo di condurre dei due componenti principali del team neozelandese Peter Burling e Blair Tuke, i due componenti della classe 49er, campioni olimpici in carica. Li conosco molto bene essendo tecnico federale classe 49er, nel 2010 e 2011 li abbiamo anche incontrati con mio fratello e conosco molto bene il loro modo di navigare e hanno condotto l'Ac75 come fosse un grande 49er. Sono stati bravi ad adattare la barca a questo modo più aggressivo di condurre rispetto agli altri", ha spiegato Gianfranco Sibello, oggi preparatore olimpico delle Fiamme Gialle nelle classi Fx e Nacra e tecnico Fiv per il 49er.

"Luna Rossa ha fatto una finale immensa, posso assicurare che pesa tanto confrontarsi con una barca che va in media 2 nodi più veloce. Per questo Luna Rossa ha fatto una grande prestazione, soprattutto in partenza e con questa base puoi permetterti molti meno errori del tuo avversario", ha sottolineato Sibello.