Vela: Gianfranco Sibello, 'finale immensa di Luna Rossa, determinante differenza di velocità' (2)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Le regate 8 e 9 sono state quelle che hanno determinato il risultato finale. La nona in particolare è stata una delle migliori regate della storia della Coppa America in generale per i valori tecnici, e per il mio ruolo di tecnico delle classi veloci nelle Fiamme Gialle e anche in Federazione per i 49er, la prenderò da esempio. Ho visto molte situazioni di quella regata di Luna Rossa che serviranno per migliorare le prestazioni dei nostri atleti verso gli obbiettivi olimpici, e questo la dice lunga sulla qualità della prestazione di Luna Rossa, che non è riuscita a vincere quella regata per una scelta che poi si è rivelata scorretta. Un po' come la F1. In un mondiale contro una macchina più veloce è molto complicato, ma devo dire che Luna Rossa è andata molto più vicino della Ferrari a vincere, sono stati pochi dettagli a fare la differenza", ha aggiunto il tecnico.

Sibello ha parlato anche del futuro della Coppa America con l'ipotesi che Ineos sfidi Team New Zealand in una gara secca. "Sicuramente Ineos sarà il prossimo Challenger of Records, quest'altra ipotesi non mi piace, mi sembra quasi antisportivo non permettere ad altri di partecipare alla sfida, anche se è già successo in passato, la Coppa America del resto è anche poco democratica. Queste classi hanno avuto un successo incredibile sia per chi era a bordo che per chi l'ha seguita da casa, e immaginare una Coppa America con più sfidanti, come è stato in passato, sarebbe uno spettacolo eccezionale", ha aggiunto il preparatore olimpico delle Fiamme Gialle nelle classi Fx e Nacra e tecnico Fiv per il 49er.

"Quello che serve alla vela non è una sfida a due. Sarebbe un peccato non sfruttare il momento e tutto quello che di buono è uscito da questa edizione. Tra l'altro ricordo che come Fiamme Gialle siamo stati dentro il team Luna Rossa oltre che con Romano Battisti come grinder, anche con Ruggero Tita che, nonostante il suo impegno nella campagna olimpica verso Tokyo, ha partecipato al progetto, anche talvolta sostituendo uno dei timonieri in allenamento a Cagliari, e dovesse presentarsi l'occasione di una nuova sfida di Luna Rossa in una Coppa America tradizionale, potrebbe essere un valore aggiunto un timoniere come lui".