Vela: Max Procopio, 'in America's Cup c'è stato scontro ai massimi livelli, un grande spot'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 17 mar. (Adnkronos) – "Quello tra Team New Zealand e Luna Rossa è stato uno scontro ai massimi livelli, e anche le ultime regate hanno dimostrato che le barche erano molto simili tra di loro. E' sicuramente una delle volte in cui uno sfidante è arrivato più vicino a contendere l'America's Cup al Defender, e il risultato in questo senso non spiega tutto fino in fondo, perché ci sono state delle situazioni in cui sarebbe bastato pochissimo per cambiare il risultato. Va dato merito a tutti e due i team per averci offerto uno spettacolo di così alto livello. Complimenti ai neozelandesi che hanno dimostrato solidità e grande preparazione e complimenti a Luna Rossa che ha fatto un percorso più lungo, irto di ostacoli, per arrivare comunque preparati al meglio. Lo sport d'altronde è così, quando accetti la competizione sai che puoi vincere o perdere, e questa volta è andata così, ma hanno onorato lo sport e il nome del nostro Paese". Così Max Procopio, ex componente del memorabile equipaggio del Moro di Venezia, che nel 1992 vinse la Louis Vuitton Cup, il trofeo degli sfidanti, all'Adnkronos, commenta il successo di Team New Zealand 7-3 su Luna Rossa nell'America's Cup.

"Quello che mi piace sottolineare per la vela è che è uscito un messaggio forte in tutto il mondo, di uno sport spettacolare e di altissimo livello. Il fatto che le sfide si siano svolte in Nuova Zelanda, che è un Paese che è riuscito ad arginare la pandemia del covid, è un grande spot. In un momento difficile come questo ci è stato proposto uno spot pubblicitario forte e importante per il mondo della vela e della nautica in generale", ha aggiunto Procopio.