Velletri, botte in piazza dopo tentata violenza sessuale

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Una lite in famiglia finisce con un uomo arrestato dalla Polizia di Stato per violenza sessuale e rapina e altre 2 persone denunciate in stato di libertà. E' successo nella tarda serata del 2 agosto, quando le pattuglie della Polizia di Stato dei commissariati di Velletri e Genzano sono intervenute in soccorso di una donna che gridava aiuto in una piazza centrale di Velletri: la vittima, dolorante al ventre, con vari graffi su tutto il corpo ed i pantaloncini slacciati, ha raccontato che dopo una lite con una sua connazionale è stata malmenata con calci e pugni da più persone ed inoltre, mentre cercava di scappare, uno degli aggressori l’ha raggiunta e, dopo essersi denudato, ha cercato di spogliarla ed ha iniziato ad urlare che voleva violentarla.

B.M., queste le iniziali dell’aggressore, le ha strappato una collanina in oro. Le grida della donna hanno messo in fuga il 41enne originario della Romania, che è andato a nascondersi nella sua abitazione -di fatto poco distante da dove si sono svolti i fatti- dove è stato trovato dai poliziotti. La vittima è stata trasportata al pronto soccorso dove le sono state diagnosticate varie fratture alle costole con una prognosi di almeno 40 giorni. B.M. è stato arrestato e condotto a Regina Coeli mentre altri 2 suoi connazionali, che avevano partecipato al pestaggio, sono stati denunciati in stato di libertà per il reato di lesioni personali gravi.