Veltroni: rimpasto danno a Paese. Proporzionale è via sbagliata

Vep
·1 minuto per la lettura

Roma, 10 nov. (askanews) - Walter Veltroni è "preoccupato" per il possibile ritorno di una legge elettorale proporzionale, "ho l'impressione che si stia prendendo la strada sbagliata nel momento sbagliato" dato che l'Italia "nei prossimi anni avrà bisogno di governi stabili, decisi dai cittadini". In una lunga intervista a Repubblica, dedicata in grande parte alla vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali Usa, Veltroni spiega che "i governi nel nostro paese nascono sempre contro, non per, non mossi da un disegno coerente di mutamento. Può accadere in una fase di emergenza, come è stato l'anno scorso, ma non può essere quella la consuetudine". Ci vuole ora un governo nuovo? "Assolutamente no, qualsiasi ipotesi di crisi, di indebolimento del governo o di rimpasto in questo momento sarebbe un grave danno per l'Italia - sottolinea -. Però considero anche molto rischioso il ritorno alla proporzionale, ai governi di coalizione, ai vertici con i capidelegazione, alle verifiche, alle spartizioni, alle soglie di sbarramento che si abbassano sempre di più. Il pericolo è che si svilisca la rappresentanza, alimentando la tentazione di scorciatoie autocratiche". "L'Italia - conclude Veltroni - ha bisogno di un Pd e di uno schieramento democratico che alzino la bandiera di un riformismo molto radicale, dai temi ambientali a quelli dell'istruzione e del lavoro".