Vendevano auto rubate a prezzi di mercato, sei arresti a Roma -2-

Red/Cro/Bla

Roma, 16 ott. (askanews) - Le misure cautelari emesse dal gip del Tribunale di Roma su richiesta della Procura capitolina, sono state disposte per il reato di associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio di veicoli, furto, ricettazione, truffa e trasferimento fraudolento di beni, risultata attiva nella Capitale e in altre province del Lazio.

Tutto nasce da accertamenti effettuati su un´auto di media cilindrata acquistata su un noto sito di compravendita di auto "usate", da un ignaro acquirente. L´ispezione accurata del veicolo ed il controllo della carta di circolazione hanno consentito alla Polstrada di svelare il modus operandi del gruppo organizzato, che si rivelerà essere uno schema eseguito in molti altri casi: l´autovettura, in realtà provento di furto, era stata dotata di targhe e carta di circolazione riconducibili ad un veicolo dello stesso modello non più marciante (relitto incidentato), acquistato dal capo dell´associazione a prezzi irrisori. Tale veicolo era stato intestato a un uomo di 33 anni - deceduto per cause naturali nel corso delle indagini - e successivamente rivenduto ad un ignaro acquirente. Ulteriori accertamenti hanno evidenziato come lo stesso fosse stato proprietario, per breve tempo, di numerosi autoveicoli, poi velocemente rivenduti.

(Segue)