Venduta la casa di Stefano Cucchi, la sorella Ilaria: “Spese non più sostenibili"

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·2 minuto per la lettura
- (Photo: hp)
- (Photo: hp)

La casa della famiglia Cucchi a Morena, quartiere nell’estrema periferia a sud-est di Roma, è stata venduta. Si tratta dell’abitazione che i genitori di Stefano, il geometra romano, morto il 22 ottobre 2009 a sei giorni dall’arresto, gli comprarono per aiutarlo a conquistarsi un’autonomia, a ricominciare una vita. Ora, quell’abitazione, finita anche nelle carte processuali, appartiene ad una giovane coppia. “Ci hanno detto che erano fieri di aver comprato la casa di Stefano Cucchi. Erano emozionati. Stefano non era certo un eroe. Era un essere umano. Era mio fratello. Ora il suo nome significa qualcosa di importante”, racconta la sorella Ilaria su Fb.

Interpellata dall’ANSA sui motivi della vendita, Ilaria Cucchi risponde: “Non riuscivamo più a far fronte alle spese. Questi 11 anni (dalla morte di Stefano, ndr) li abbiamo pagati cari, io e mio padre abbiamo perso il lavoro, lui si è ammalato, come mia madre. È stato un duro colpo vendere la casa, è stato come lasciarlo andare. Il dolore non si ferma”.

“Mamma e papà hanno continuato a pagarne il mutuo fino a che hanno potuto. Per fare questo sono rimasti indietro con le rate di casa loro. Non era possibile andare avanti oltre ed allora ho deciso di vendere la casa”, scrive Ilaria su Facebook.

“Mio padre è una persona talmente per bene e onesta che a pochi giorni dalla morte di Stefano ha denunciato suo figlio per aver trovato un quantitativo di droga nella sua abitazione di Morena. Questa è la nostra famiglia”, rivendicava Ilaria nel 2019. Oggi lei stessa confessa: “Non amavo, quella casa, perché era il teatro del nostro fallimento. E poi, quando vi sono entrata dopo la sua morte, vi ho visto, appesa sulla parete e ben visibile, una grande fotografia con il mio volto. Quattro giorni fa l’abbiamo venduta. Un momento tanto triste. Non può essere una consol...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.