Veneto, ancora allerta arancione per livelli dei fiumi

webinfo@adnkronos.com

Il bel tempo di oggi e domani sul Veneto sta aiutando il deflusso dell’onda di piena sui corsi d’acqua. I livelli della rete idrografica principale sono generalmente in calo, anche se permangono situazioni di crescita nei tratti distali dei fiumi Gorzone, Adige e Livenza, in quest'ultimo a causa delle operazioni di rilascio controllato dagli invasi di Ravedis e Ponte Racli.  

Il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile del Veneto conferma pertanto l’allerta ‘arancione’ (stato di pre-allarme): la criticità idraulica ‘arancione’ nel bacino dell’Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone) e in quello del basso Brenta-Bacchiglione è valida fino alla mezzanotte di oggi, martedì 25. Successivamente, fino alle ore 14 di domani, è da considerare gialla (stato di attenzione). 

Lungo il fiume Po è in transito un onda di piena il cui culmine dovrebbe interessare il territorio regionale a partire dalla serata di domani. La criticità idraulica arancione nel bacino del Po e del basso Adige è riferita alla propagazione della piena del fiume e interessa tutti i comuni rivieraschi. Si segnala che presumibilmente dalla serata di domani 26 novembre il grado di criticità diventerà rossa (stato di allarme). Nei rimanenti comuni la criticità idraulica è da considerare verde. E’ ancora ‘allerta gialla’ sulla rete principale del bacino del Lemene, Livenza e Tagliamento.