Veneto: Consiglio approva bilancio consolidato 2018

Fdm

Venezia, 24 set. (askanews) - Il Consiglio regionale del Veneto ha approvato con 29 voti favorevoli, 14 contrari, e 3 astenuti, nel corso della seduta odierna, la Proposta di deliberazione amministrativa n. 105, di iniziativa della Giunta, relativa all'approvazione del bilancio consolidato 2018 della Regione del Veneto. La relatrice Sonia Brescacin (Zaia Presidente) ha ricordato che, tra gli adempimenti contabili previsti dal D.Lgs. 118/2011, oltre all'adozione della contabilità economico/patrimoniale, è previsto l'obbligo di redazione del bilancio consolidato. Rispetto all'esercizio 2017, il perimetro di consolidamento risulta ampliato mediante l'inserimento di due società a partecipazione diretta, Veneto Sviluppo controllata al 51%, e Veneto Strade la cui partecipazione ha superato nel corso del 2018 la quota di controllo, arrivando al 76,42%, e di una società partecipata indiretta, SACCA a r.l. (Società Azionaria Cooperativa Case Alloggio a r.l.) partecipata al 100% da Ater di Verona. Dall'elenco delle società da consolidare è invece uscita la società SVEC in liquidazione, in quanto cessata il 23.04.2018. Le società consolidate sono quindi 9, mentre per quanto riguarda gli enti ed agenzie consolidati nel 2018, il loro numero rimane di 19, nella medesima composizione dell'anno precedente. Sulla base dei dati di bilancio pervenuti dai 28 soggetti appartenenti all'area di consolidamento, si è pervenuti alla redazione dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico del gruppo per l'esercizio 2018, che presenta le seguenti risultanze complessive: risultato economico consolidato, euro 346.400.268,57; totale attivo consolidato, euro 12.130.536.329,40; totale patrimonio netto consolidato euro 3.029.742.400,35. Il Correlatore Piero Ruzzante (Liberi e Uguali) ha sottolineato da un lato l'aspetto positivo dell'annunciato allargamento del perimetro di consolidamento, dall'altro il permanere della criticità attinente la mancanza di politica del personale omogenea circa gli enti strumentali, nonostante la natura eterogenea degli stessi; è stato inoltre sottolineato dal Correlatore l'auspicio di estendere la metodologia dell'estrazione a sorte dei revisori presso gli enti strumentali, metodologia che l'Assessore al bilancio e Vicepresidente Gianluca Forcolin, nel corso del suo intervento, ha ritenuto non efficace, sulla scorta anche delle esperienza maturate negli enti locali.