Veneto: parte campagna educazione finanziaria "il futuro conta"

Fdm

Venezia, 31 ott. (askanews) - Parte in Veneto la prima campagna regionale di educazione finanziaria e al risparmio rivolta agli studenti di ogni ordine e grado e agli adulti per creare cittadini (e risparmiatori) consapevoli. "La Regione Veneto è la prima regine in Italia ad aver adottato un'azione di sistema così ampia", hanno sottolineato l'assessore regionale alla scuola Elena Donazzan e Beppe Ghisolfi, creatore della Fondazione per l'Educazione Finanziaria e il Risparmio e vicepresidente europeo delle Casse di Risparmio, all'evento di lancio della campagna "Il futuro conta", nell'aula Magna dell'università Iuav di Venezia.

La campagna regionale, progettata con il coinvolgimento delle quattro università venete, Banca d'Italia, Abi, Feduf e Ufficio scolastico regionale nell'ambito della campagna nazionale di educazione al risparmio "Quello che conta", prevede 250 interventi formativi nelle scuole del Veneto, destinati a coinvolgere circa 10 mila studenti, e oltre 400 incontri pubblici, tra seminari, workshop territoriali ed eventi-spettacolo rivolti ad una platea di 8500 soggetti, tra cittadini ed imprese, distribuiti in tutte le aree del Veneto, nell'arco temporale di un anno. Promossa e finanziata (con 1 milione di euro) con la legge regionale 17/2018 ""Accrescimento del benessere sociale attraverso l'educazione economica e finanziaria", approvata all'unanimità dal Consiglio regionale per iniziativa del consigliere Maurizio Conte a seguito del crack delle banche popolari venete, la campagna "Il futuro conta" investe nell'alfabetizzazione di base dei risparmiatori di oggi e nella formazione dei futuri risparmiatori di domani. "Secondo i dati di Banca d'Italia, gli adulti nel nostro paese sono agli ultimi posti nelle classifiche Ocse per competenze finanziarie. Va meglio con i più giovani, in particolari quelli del Nordest, che si posizionano al quarto posto nelle classifiche internazionali per conoscenza degli elementi base della finanza e dei prodotti di risparmio - osserva l'assessore Donazzan - E' indispensabile, quindi, investire nella scuola e rendere l'economia e la finanza una vera e propria materia di studio, ad ogni età, dalla primaria all'università. Oggi in Veneto, con "Il futuro conta" parte un percorso di alfabetizzazione che, grazie al supporto del sistema universitario veneto e di partner qualificati come Banca d'Italia, Abi e Feduf, ci aiuterà a formare cittadini consapevoli e risparmiatori responsabili".