Veneto, si schianta contro colonnina del gas: ipotesi suicidio

jessica dell'innocenti

Jessica Dell’Innocenti, 18 anni, è morta a seguito di un terribile incidente a Mignagola di Carbonera. La Fiat Punto a bordo della quale viaggiava è finita fuori strada, andandosi a schiantare contro una colonnina del gas della società Silcart. La ragazza è deceduta a seguito dell’impatto. Jessica era originaria del portogruarese, ma viveva a San Biagio. Non è ancora chiara l’esatta dinamica dei fatti, ma gli inquirenti stanno valutando l’ipotesi suicidio.

Una strana dinamica

I primi rilievi hanno destato alcuni dubbi tra le forze dell’ordine. Sembra infatti che la dinamica dell’incidente sia strana, motivo per il quale potrebbe essersi trattato di un gesto volontario. Jessica, infatti, potrebbe aver deciso di lanciare la propria auto contro la colonnina con l’obiettivo di togliersi la vita. Sul luogo dello schianto sono intervenuti i vigili del fuoco, la Polizia Stradale di Treviso e i sanitari del 118, che, tuttavia, nulla hanno potuto fare per salvare la vita alla giovane.

Il messaggio alla cugina

Ad accreditare la tesi del suicidio, c’è un dettaglio importante. Jessica avrebbe detto alla cugina di volersi uccidere. E’ plausibile dunque che la giovane sia salita in auto, e dopo aver percorso un lungo rettilineo, si sia schiantata volontariamente. Secondo le prime informazioni pare non avesse la cintura di sicurezza.

Jessica è morta nella sua auto, esattamente come era successo al padre. L’uomo è deceduto il 13 gennaio 2015 quando la sua auto è finita in una scarpata al termine di un inseguimento con la Polizia.