Veneto, Zaia: insegnanti lasciati a casa? Autentica tragedia

Fdm

Venezia, 20 ago. (askanews) - "Purtroppo è una tragedia. Qui ci troviamo davanti a casi di insegnanti che lavorano da 20, 30 anni e per la mancanza della laurea e di una serie di dinamiche vengono ora mandate a casa. Io spero che il Parlamento trovi una soluzione". Lo ha dichiarato il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, dopo che in regione centinaia di insegnanti della scuola primaria e dell'infanzia, in possesso di diploma magistrale ma non di laurea in scienze primarie (richiesto ora ma non al tempo dell'assunzione), hanno perso il posto per titoli di studio, considerato non adeguati, dopo decine di anni di insegnamento e aver svolto incarichi di responsabilità. "Se da un lato capisco che il ministero ha dovuto applicare leggi e sentenze di fatto operative, dall'altro il Parlamento è sempre sovrano e ritengo che possa trovare una soluzione per una norma perché alcuni di questi casi sono autentiche tragedie famigliari oltre che professionali" ha concluso il governatore veneto.