Veneto: Zaia, situazione disastrosa. Servirà gestione commissariale -2-

Cam

Roma, 17 nov. (askanews) - "I nostri sistemi previsionali - ha aggiunto Zaia - sono tecnicamente i più aggiornati d'Italia. Lo abbiamo voluto noi lavorando anno dopo anno e non accetto che nascano come i funghi dei premi Nobel della meteorologie o dell'idraulica che parlano e scrivono troppo a vanvera. Le previsioni dicono che domani il tempo migliorerà, ma quello che si dovrà capire se e per quanto rimarrà lo scirocco, perché fino a che tira questo vento, il mare non riceve, il che significa alta marea a Venezia e fiumi ingrossati".

Gli uomini della protezione civile hanno monitorato la situazione per tutta la giornata.

Dopo le ultime precipitazioni nel pomeriggio di oggi, è prevista una pausa, senza precipitazioni, dalla serata odierna fino alla serata di domani. Successivamente è atteso un nuovo peggioramento che si protrarrà anche nella giornata di martedì.

Intanto il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile del Veneto ha emesso un nuovo avviso di criticità, valido dalle 20.00 di oggi alle 20.00 di domani, dichiarando lo Stato di Preallarme (Allerta Arancione) sui Bacini idrografici Alto Piave, Piave Pedemontano, Alto Brenta Bacchiglione Alpone, Basso Piave Sile Bacino Scolante in Laguna, Livenza Lemene Tagliamento. Lo Stato di Attenzione è stato dichiarato sul Bacino Basso Brenta Bacchiglione.

La Situazione allo stato attuale rispetto ai Comuni con maggiori criticità vede a San Michele al Tagliamento 20 case interessate da allagamenti in particolare nella zona di Villanova della Cartera e Malafesta. Strade allagate, in particolare la Jesolana. A Portogruaro chiuso il COC. Si registra un allagamento di 70 cm su una via, senza abitazioni interessate. Si registrano problemi agli interrati di alcune abitazioni. L'emergenza sta rientrando. Borca di Cadore, Zoppe' di Cadore e Vallada interessati da movimenti franosi: 4 nuclei abitati evacuati a Borca, 2 a Zoppè e 2 a Vallada. Infine, Alleghe, il lago al momento è a 10 cm dalla capacità massima. Gli apporti sono in diminuzione e la situazione è stazionaria. I sindaci hanno preallertato la popolazione e i gruppi di volontari stanno monitorando e supportando la popolazione in attesa delle evoluzioni meteo.