Veneto zona gialla, ordinanza di Zaia: regole

·2 minuto per la lettura

Veneto zona gialla con nuove regole per contrastare l'aumento dei contagi covid. "Oggi presentiamo un provvedimento, un’ordinanza, che anticipa la zona gialla", annuncia il governatore del Veneto, Luca Zaia, prima dell’eventuale ordinanza del ministro della Salute. Roberto Speranza. L'ordinanza regionale entrerà in vigore da stanotte alle 24 fino a domenica 16 gennaio. "E' un periodo cruciale, se siamo fortunati superiamo il picco tra la fine di dicembre e la prima giornata di gennaio. La giornata di oggi corrisponde al picco raggiunto lo scorso anno", spiega Zaia facendo riferimento ai dati della regione.

Il presidente della regione illustra le misure, a cominciare dall'obbligo di mascherina all'aperto che non riguarda i bambini al di sotto dei 6 anni e dei soggetti con patologie o con disabilità incompatibili con il dispositivo. Per tutti gli operatori in servizi presso ospedali e altre strutture come le case di riposo "deve essere aumentata la frequenza del testing e dei programmi di screening, prevedendo un test ogni 4 giorni indipendentemente dallo stato di vaccinazione", dice il governatore. "Chi si ricovera in ospedale verrà sottoposto ad un test, il tampone verrà ripetuto ogni 4 giorni. Non possiamo permetterci ospedali o case di riposo in tilt", dice ancora. L'ordinanza prevede limiti (in genere una sola persona) per accompagnamento o visite ai pazienti. Sono sospese le visite di minori di 12 anni nelle strutture Rsa. Sono sospesi i rientri in famiglia degli ospiti delle strutture sociosanitarie e socioassistenziali residenziali, le uscite devono essere limitate a soggetti asintomatici, in regola con ciclo vaccinale, compresa la dose booster. Al rientro, scatta una quarantena di 7 giorni con un tampone: "In linea di principio in questa fase si bloccano le uscite -dice Zaia-, si tratta di un periodo breve coperto dall'ordinanza. A discrezione della direzione della casa di riposo, l'anziano vaccinato esce e al rientro viene sottoposto ad un test con quarantena".

Zaia snocciola i dati dell'emergenza covid nella regione: "L'indice Rt è 1,15, l’incidenza è a 506,3 casi su 100.000 abitanti. E' alta, ma è alta anche per il numero tamponi che facciamo", dice. "Il tasso di occupazione delle terapie intensive è al 13%, siamo sopra del 3% rispetto alla soglia della zona gialla. Il tasso di occupazione dell’area non critica è al 15%, al livello che fa scattare in zona gialla", prosegue.

"Abbiamo un sacco di infezioni in corso che riguardano la popolazione non vaccinata. I vaccinati vengono coinvolti perché ormai rappresentano l’87% della popolazione veneta. In ospedale c'è un'evidente differenza” tra ricoveri di non vaccinati e ricoveri di vaccinati", prosegue.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli