Venezia 77, "Via con me": Conte e le sue canzoni che... -2

·2 minuto per la lettura

Venezia, 11 set. (askanews) - Il film è un racconto dove la voce narrante di Luca Zingaretti ripercorre la carriera di Conte dagli esordi ad Asti, a parlare di lui anche i tantissimi artisti, cantanti e attori, che ne raccontano la poetica straordinaria con aneddoti e ricordi. Il regista Verdelli ha spiegato che nel film "ci sono 35 brani, incluso ' Mi piace la moglie di Paolo Conte' di Benigni che è anche depositata. Del resto, Conte lo dice sempre 'Io ho un pubblico di nicchia ma ho molte nicchie che fanno un grande pubblico". Nicola Giuliano, il produttore ha sottolineato che l' incontro con Giorgio Verdelli è stato "musicale abbiamo parlato solo di musica, c'è l'orgoglio di avere partecipato a un lavoro di un mito assoluto, vedere associato il mio nome a quello di Paolo Conte è una grandissima soddisfazione professionale". A volere il docufilm e soprattutto a convincere Conte a realizzarlo è stata la manager da una vita, Rita Allevato. "Paolo Conte non ama apparire - ha raccontato . per fare questo docufilm, ho dovuto convincerlo ,lui non era disponibile, inizialmente". Allevato ha poi annunciato che verrà creata una Fondazione Paolo Conte e "questo documento - ha aggiunto - farà parte della fondazione a scopo culturale e benefico. Dopo avere avuto il suo benestare, ho raccolto il materiale che era tantissimo. In questo documentario che manca la parte del tour in America, nel tempo potremmo recuperarlo per un secondo docufilm". Nel film si parla soprattutto dell'arte di Paolo Conte, dei suoi testi cesellati e perfetti. Del resto, conferma Rita Allevato e il regista Verdelli, Conte è schivo, è sposato con la stessa donna Egle Conte da 45 anni, non ha figli, ama leggere e passeggiare coi suoi cani. "Non ho cercato lo scoop - ha spiegato Verdelli - Conte è talmente ricco della parte poetica. Mettendomi dalla parte dello spettatore a me interessa sapere come Conte ha scritto le sue canzoni. Conte ha una tale perizia di scrittura, le sue canzoni sono eterne, sono opere d'arte. E' come sentire Michelangelo spiegare le sue opere.Le canzoni di Conte sono dei film, il cinema è presente in molti canzoni di Conte, 'Bartali, Onda su onda, 'Un fachiro al cinema'. Conte è il più cinematografico tra gli autori italiani e molte sue canzoni stanno nei film internazionali" Il film è in uscita in 270 sale in Italia e si arriverà a 300 per l'uscita del film, Nexodigital 28-29-30 settembre come evento, appuntamento popolare in tutte Italia. All'estero grandissimo riscontro tra i 30-40 paesi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli