Venezia 78, Leone d'Oro a L'Evenement. Premio della giuria a Sorrentino

·4 minuto per la lettura
Biennale (Photo: Biennale)
Biennale (Photo: Biennale)

La Giuria di VENEZIA 78, presieduta da Bong Joon Ho e composta da Saverio Costanzo, Virginie Efira, Cynthia Erivo, Sarah Gadon, Alexander Nanau e Chloé Zhao, dopo aver visionato i 21 film in competizione ha deciso di assegnare i seguenti premi:

- L’ÉVÉNEMENT di Audrey Diwan (Francia) è il Leone d’oro di Venezia 78 assegnato dalla giuria presieduta da Bong Joon Ho e composta da Saverio Costanzo, Virginie Efira, Cynthia Erivo, Sarah Gadon, Alexander Nanau e Chloé Zhao. È la storia di una giovane brillante universitaria (Anamaria Vartolomei) che nella Francia di inizio anni ’60 con l’aborto ancora illegale è determinata a non proseguire la gravidanza per seguire la sua strada. Sa di rischiare la prigione, la vergogna del suo ambiente e la sua stessa vita ma va avanti.

- LEONE D’ARGENTO - Gran Premio della Giuria a È STATA LA MANO DI DIO di Paolo Sorrentino (Italia). “Sono leggermente emozionato”. Così ha esordito il regista Paolo Sorrentino, ricevendo il Leone d’Argento del Gran Premio della Giuria alla Mostra del Cinema di Venezia per il film ”È stata la mano di Dio”. E durante il discorso di ringraziamento è scoppiato a piangere e con le lacrime agli occhi ha continuato a parlare.

Sorrentino ha tra l’altro ringraziato la “moglie che mi sopporta da 20 anni”. Poi ha scherzato: “A chi mi dice ma perché fai un altro film con Toni Servillo, io dico: guardate dove sono arrivato facendo i film con Toni Servillo”. Il regista ha quindi citato due immagini che non ci sono nel film: “in una si vede Maradona che ringrazia da un campo di calcio, e questo forse è il più grande premio per lui. L’altra scena mi riporta al giorno del funerale dei miei genitori. Allora il preside mandò solo quattro ragazzi e non tutta la classe e io ci rimasi male, ma non ha più importanza, perché oggi è venuta tutta la classe, che siete voi”.

- LEONE D’ARGENTO Premio per la migliore regia a Jane Campion per il film THE POWER OF THE DOG (Nuova Zelanda, Australia) - COPPA VOLPI per la migliore interpretazione femminile a Penélope Cruz nel film MADRES PARALELAS di Pedro Almodóvar (Spagna)
- COPPA VOLPI per la migliore interpretazione maschile a John Arcilla nel film ON THE JOB: THE MISSING 8 di Erik Matti (Filippine)
- PREMIO PER LA MIGLIORE SCENEGGIATURA a Maggie Gyllenhaal per il film THE LOST DAUGHTER di Maggie Gyllenhaal (Grecia, USA, Regno Unito, Israele)
- PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA a IL BUCO di Michelangelo Frammartino (Italia, Francia, Germania) - PREMIO MARCELLO MASTROIANNI a un giovane attore emergente a: Filippo Scotti nel film È STATA LA MANO DI DIO di Paolo Sorrentino (Italia)
ORIZZONTI
La Giuria Orizzonti della 78esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, presieduta da da Jasmila Zbanic e composta da Mona Fastvold, Shahram Mokri, Josh Siegel e Nadia Terranova dopo aver visionato i 19 lungometraggi e i 12 cortometraggi in concorso, assegna:
- PREMIO ORIZZONTI PER IL MIGLIOR FILM a PILIGRIMAI (PILGRIMS) di Laurynas Bareiša (Lituania)
- PREMIO ORIZZONTI PER LA MIGLIORE REGIA a Éric Gravel per il film À PLEIN TEMPS (Francia)
- PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA ORIZZONTI a EL GRAN MOVIMIENTO di Kiro Russo (Bolivia, Francia, Qatar, Svizzera) - PREMIO ORIZZONTI PER LA MIGLIORE ATTRICE a Laure Calamy nel film À PLEIN TEMPS di Éric Gravel
- PREMIO ORIZZONTI PER IL MIGLIOR ATTORE a Piseth Chhun nel film BODENG SAR (WHITE BUILDING) di Kavich Neang (Cambogia, Francia, Cina, Qatar)
- PREMIO ORIZZONTI PER LA MIGLIORE SCENEGGIATURA a Peter Kerekes, Ivan Ostrochovskì per il film CENZORKA (107 MOTHERS) di Peter Kerekes (Repubblica Slovacca, Repubblica Ceca, Ucraina) PREMIO ORIZZONTI PER IL MIGLIOR CORTOMETRAGGIO a LOS HUESOS di Cristóbal Léon, Joaquín Cociña (Cile)
VENICE SHORT FILM NOMINATION FOR THE EUROPEAN FILM AWARDS 2021 a THE FALL OF THE IBIS KING di Josh O’Caoimh, Mikai Geronimo (Irlanda)
LEONE DEL FUTURO
La Giuria Leone del Futuro - Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis” della 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, presieduta Uberto Pasolini e composta da Martin Schweighofer e Amalia Ulman assegna il
LEONE DEL FUTURO - PREMIO VENEZIA OPERA PRIMA (LUIGI DE LAURENTIIS) a IMACULAT di Monica Stan, George Chiper-Lillemark (Romania)
VENICE VR EXPANDED
La Giuria presieduta da Michelle Kranot e composta da Maria Grazia Mattei e Jonathan Yeo dopo aver visionato i 23 progetti in concorso, assegna
Il GRAN PREMIO DELLA GIURIA PER LA MIGLIORE OPERA VR a GOLIATH: PLAYING WITH REALITY di Barry Gene Murphy, May Abdalla (Regno Unito, Francia)
il PREMIO MIGLIORE ESPERIENZA VR a LE BAL DE PARIS DE BLANCA LI di Blanca Li (Francia, Germania, Lussemburgo) il PREMIO MIGLIORE STORIA VR a END OF NIGHT di David Adler (Danimarca, Francia)
ORIZZONTI EXTRA
PREMIO DEGLI SPETTATORI - ARMANI BEAUTY a SOKEA MIES, JOKA EI HALUNNUT NÄHDÄ TITANICIA (THE BLIND MAN WHO DID NOT WANT TO SEE TITANIC) di Teemu Nikki (Finlandia).

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli