Venezia 79, Casa Fabrique accoglie il nuovo cinema italiano

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 31 ago. (askanews) - Fabrique du Cinéma, la rivista che da dieci anni scopre i nuovi talenti del cinema italiano, torna al festival di Venezia con incontri, proiezioni e presentazioni dall'1 al 4 settembre, a Casa Fabrique.

Con l'organizzazione del direttore della fotografia Davide Manca e della Alfiere Productions di Daniele Urciolo, a Villa Malusa, a pochi minuti a piedi dal Palazzo del cinema, Casa Fabrique è pronta ad accogliere i protagonisti del nuovo cinema italiano, gli appassionati e gli addetti ai lavori.

Saranno quattro giorni all'insegna di temi centrali oggi nel cinema e non solo, come diversità e inclusione, sostenibilità ambientale, nuove modalità di produzione e distribuzione.

Fra i momenti di confronto il 2 settembre Fabrique Diversity Day, giornata dedicata a diversità e inclusione, e il 4 settembre Cinematographers's Brunch, meeting informale fra i direttori della fotografia presenti alla Mostra per incentivare il dialogo sull'evoluzione del mestiere, sulle tecnologie e soprattutto sulla possibilità di una transizione ecologica anche sui set cinematografici.

Alla Tavola rotonda sul tema diversità e inclusione nel mondo del cinem, il regista e direttore della fotografia Amir Ra, l'autrice e sceneggiatrice Chiara Sfregola (Camera Single, Signorina), il regista e autore Giovanni Algieri (Cosa manca, La prima luna storta), l'autore e attore Francesco Riva (Premio Zocca Giovani 2018), l'attrice e life coach Anna Fusco e la produttrice e sociologa Silvia Armeni, con l'intervento degli attori ospiti Giorgia Fiori e Andrea Venditti.