Venezia, Coltorti (M5s): completare il Mose al più presto

Luc

Roma, 13 nov. (askanews) - "Esprimo solidarietà e vicinanza ai cittadini del Veneto che stanno vivendo ore drammatiche. Purtroppo anche questa volta l'acqua è tornata ad allagare Venezia, anche questa volta si sono verificati danni enormi nella città, completamente paralizzata dalle inondazioni che ieri hanno toccato livelli record. E' sconcertante come siamo stati colti ancora impreparati, perché mentre Venezia annega nel fango il Mose giace inutilmente in fondo alla laguna, in attesa, forse un giorno, di essere messo in moto". Così Mauro Coltorti (M5s), presidente della commissione Lavori Pubblici del Senato.

"Dopo anni di sperperi e di attese, dopo le speculazioni e gli scandali legati alla realizzazione dell'eco-mostro - prosegue - è ancora tutto inspiegabilmente fermo. Proprio di recente, come presidente della Commissione Lavori Pubblici al Senato sono stato a Venezia, insieme a una delegazione del Movimento 5stelle, per verificare lo stato di realizzazione dell'opera. A 16 anni dall'avvio del cantiere e una spesa di quasi 6 miliardi di euro, manca oggi solamente il 5% dei lavori per il suo completamento, eppure la diga mobile non è stata mai messa in azione e non si sa neanche se funzioni. Poiché, come aveva già denunciato il Movimento 5stelle, non sono mai stati fatti collaudi e le enormi cerniere, che sarebbero state garantite per cento anni, invece rischiano di essere già corrose dalla ruggine. Opere come questa, molto discusse in passato dal Movimento come dalle associazioni ambientaliste, vanno completate al più presto, se non altro per vedere se i tanti miliardi spesi siano serviti a qualcosa. Non si può più aspettare, perché quello di ieri è stato l'ennesimo campanello di allarme che richiede interventi urgenti e decisivi".