Venezia, Donnet: restauro Giardini Reali motivo grande orgoglio

Bnz

Venezia, 17 dic. (askanews) - "Sono felice di essere nel cuore di Venezia per celebrare la rinascita dei Giardini reali, un luogo storico e ionico amato dai veneziani". A dirlo il Ceo di Generali Philippe Donnet parlando della riapertura dei Giardini reali, alle spalle di Piazza San Marco, a cui ha contribuito la fondazione The Human Safety Net.  "Il nostro impegno - ha spiegato - è di ricostruire fascino questi giardini perchè Venezia lo merita. Si apre un nuovo capitolo e si completa progetto restauro". Un risultato di cui Donnet si è detto "molto orgoglioso", reso possibile "dal modello virtuoso di  collaborazione tra privato e pubblico". "Per Generali restituire questo spazio a Venezi aè  motivo grande orgoglio - ha rilevato - sopratutto dopo il mese di novembre, molto difficile per la città a causa delle acque alte". Il ceo ha evidenziato  il legame forte tra Generali e Venezia, dove è stata aperta la sede nel 1832 delle Procuratie Vecchie, un anno dopo fondazione a Trieste. "Gruppo Generali è nato come gruppo europeo - ha osservato - con radici europee. Siamo sempre impegnati per dare un contributo a questa città, siamo main partner del restauro dei Giardini reali e per la riqualificazione di piazza San Marco".  Quanto al restauro delle  Procuratie Vecchie, sarà completato nel 2021 per la riapertura al pubblico. "Ci sara' continuità tra Procuratie Vecchie, Palazzo Reale e Giardini - ha concluso Donnet - e continuità concettuale perchè i giardini sono simbolo della cura del pianeta. Nelle Procuratie Vecchie avrà sede la nostra fondazione per curare le persone più vulnerabili. Sara' la missione dell'area marciana e di promozione di un centro mondiale della sostenibilità. Il Progetto dei Giardini Reali si inserisce  in un progetto più ampio tra Generali e Venezia come punto di riferimento per la sostenibilità".