Venezia, Ismar-Cnr: eventi del genere saranno sempre più numerosi

Sav

Roma, 13 nov. (askanews) - Quello che si è verificato a Venezia è stato "un evento di acqua alta eccezionale, secondo solo all'evento catastrofico del 1966: anche se si prevedeva un acqua alta eccezionale per la sera, nella mattinata nulla lasciava presagire un evento di queste proporzioni". Lo scrive l'Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche (Ismar-Cnr).

"Raffiche di vento con più di 100 km/ora - spiega l'istituto - hanno contribuito a questo fenomeno assolutamente imprevedibile che ha colpito la città di Venezia. Con i cambiamenti climatici in atto, l'innalzamento del livello marino, e l'aumento della frequenza delle tempeste in mare, questi eventi estremi saranno sempre più numerosi", conclude l'.