A Venezia le stanze restaurate di Sissi e Napoleone

featured 1628611
featured 1628611

Venezia, 11 lug. (askanews) – Un viaggio tra il lusso e l’eleganza che hanno ospitato Sissi e Napoleone. Dal 14 luglio, accanto all’usuale percorso del Museo Correr, saranno aperte al pubblico le venti sale private del Palazzo Reale di Venezia.

Le stanze splendidamente decorate e arredate affacciano sui Giardini Reali e furono volute e abitate dagli esponenti di ben tre case regnanti – Bonaparte, Asburgo, Savoia – lungo tutto l’Ottocento e fino al 1920.

“Riscoprire la storia di queste sale è anche riscoprire lo spirito di chi le ha abitate e certamente questa bella donna, questa straordinaria figura femminile che è l’imperatrice Elisabetta d’Austria conosciuta come Sissi, ha appunto abitato queste sale più volte” racconta Andrea Bellieni direttore del museo Correr.

Dopo un lungo oblio e 22 anni di lavori il dimenticato Palazzo Reale di Venezia, torna visitabile. Si tratta del complesso più rappresentativo della storia politica e dell’arte a Venezia durante tutto il XIX secolo.

Eccoci nel Palazzo Reale di Venezia, sembra abbastanza insolito dato che tutti pensano a Venezia come a una repubblica. Napoleone divenne re d’Italia nel 1805 e Venezia è la seconda città del suo regno d’Italia, quindi aveva bisogno di un Palazzo reale e quel palazzo doveva essere in Piazza San Marco, perchè piazza San Marco è sempre stata la zona del potere spiega Jerome Zieseniss Comitato francese per la salvaguardia di Venezia che ha finanziato il progetto.

Grazie al lavoro di esperti restauratori e artigiani è stata ricreata l’atmosfera dei fasti ottocenteschi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli