Venezia, M5s: cittadini pagano danni del centro-destra

Pol-Afe

Roma, 13 nov. (askanews) - "Ormai non c'è più tempo da perdere, quello che sta succedendo a Venezia è gravissimo. Rischiamo che un patrimonio inestimabile come quello di Venezia sia rovinato per sempre a causa dell'assenza di misure capaci di mettere in sicurezza il territorio. Questa non è altro che una tragedia annunciata dopo gli scandali dei partiti di centro destra che si sono spartiti le tangenti sul Mose: questa è la prova del loro fallimento. Salvini prende a modello le regioni del nord amministrate da anni dalla Lega e questi sono i risultati?" così in una nota Alberto Zolezzi, deputato del Movimento 5 Stelle in Commissione Ambiente alla Camera.

"Salvini chiede i soldi per Venezia dopo che il centro destra se li è pappati con le tangenti sul Mose. Incredibile: ora è il momento di fatti non di chiacchiere. Il Movimento 5 Stelle sta già lavorando per aiutare i cittadini e gli imprenditori con una moratoria sui mutui. Il governatore Zaia invece, ha il dovere di stanziare tutti i fondi possibili per uscire dall'emergenza e per prevenirne altre, anche rivalutando opere opinabili come la Pedemontana che ha già peggiorato il dissesto idrogeologico del territorio", conclude il deputato pentastellato