Venezia, Moretto (IV): da istituzioni serve responsabilità non annunci alla Salvini

Pol/Luc

Roma, 13 nov. (askanews) - "Nottata di paura a Venezia. La città è stata travolta dall'acqua alta che ha raggiunto i 187 cm, mai così dal 1966. Un abbraccio a tutti i veneziani che hanno dimostrato ancora una volta la loro grande forza. Oggi è il giorno dell'emergenza, ma domani sarà necessariamente quello della responsabilità e la politica non può fermarsi alla solidarietà né agli annunci, come quelli di Salvini che si accorge ora di Venezia dopo più di un anno di governo in cui nulla ha fatto". Lo dichiara la deputata veneta Sara Moretto, capogruppo di Italia Viva in Commissione Attività produttive alla Camera.

"Dopo gli scandali che hanno accompagnato il Mose, tuttora incompleto, i cittadini meritano concretezza e prospettiva. La specificità di Venezia richiede azioni concrete: il Governo Renzi - spiega - era stato siglato un Patto per Venezia e poi è stata rifinanziata la legge speciale. Queste risorse sono ancora ferme per l'inerzia del precedente Ministro alle Infrastrutture. In questi mesi Venezia è stata protagonista solo di un dibattito sulle grandi navi, necessario sì, ma ancora senza soluzione, e sulla tassa di sbarco, peraltro ancora inapplicata".

"O capiamo che la città ha bisogno di una politica che guardi ai prossimi 50 anni, che si assuma la responsabilità delle proprie scelte, che metta in campo soluzioni nuove in uno spirito di collaborazione e non di divisione partitica, oppure Venezia rischierà davvero di affondare. I veneziani lo hanno già fatto, ora tocca alle istituzioni rimboccarsi le maniche - conclude Moretto - e Italia Viva farà la sua parte".