Venezia: Nanotecnologie, idee per tutelare i beni culturali e preservare palazzi storici (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Durante la conferenza ci saranno accenni sulla parte tecnico/scientifica relativa all'uso dei formulati nanotecnologici e sul potenziale sviluppo delle sue applicazioni ad ampio spettro, con valutazioni riguardo alla ricaduta socio economica dell'uso di tale tecnologia.

Spiegheremo i successi applicativi già ottenuti in altri territori per poi arrivare all'analisi di quanti beni artistici, culturali, archeologici o strutturali nel nostro paese hanno bisogno di essere tutelati da fattori corrosivi e usuranti. Inoltre, spiegheremo come l’elettrofisica abbatta l'umidità di risalita capillare, annullando definitivamente l'acqua assorbita dalle murature, ipotesi molto interessante per Venezia. L'analisi procederà nella valutazione di un’eventuale perdita per incuria di tali beni, sia dal punto di vista finanziario che sociologico e culturale.

Parlermo infine di transizione tecnologica ed ecologica, di impatto ambientale degli interventi di applicazione delle nanotecnologie e della preservazione dei beni collettivi dalla devastazione di incendi, polveri sottili, intemperie, anchanche a causa dei cambiamenti climatici".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli