Venezia, Polizia locale: ancora due giornate complicate

Fdm

Venezia, 15 nov. (askanews) - "Dobbiamo attenderci ancora due giornate complicate, sabato e domenica". Lo afferma, per quanto riguarda l'acqua alta, Marco Agostini, comandante della Polizia locale. Un metro e 20 cm domani, tra un metro e 30 ed un metro e 40 domenica. Oggi, tra le 11 e le 11.30, è finito sott'acqua il 70% di Venezia; la marea si è fermata ad un metro e 54 centimetri, 6 in meno della precedente previsione. Come ha potuto constatare il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, che era in sopraluogo all'area marciana, mentre nella prima mattinata in piazza San Marco c'erano stati il ministro Federico D'Incà e il leader della Lega, Matteo Salvini. Il sindaco Luigi Brugnaro alle 9.30, considerata l'evoluzione della marea, ha disposto la chiusura di piazza San Marco.

"Serve un impegno enorme dello Stato e di tutta la comunità italiana a sostegno di Venezia, non solo perché è un simbolo ma perché qui è danneggiata la vita di migliaia di persone e di imprese - ha detto Franceschini -. È un impegno che è partito ieri con le prime misure per l'emergenza, ma deve proseguire in modo strutturale nel tempo". I 20 milioni stanziati dal Consiglio dei ministri, giovedì pomeriggio, sono soltanto un primo anticipo per le spese di emergenza. Franceschini ha assicurato che le risorse per la rinascita saranno ben più consistenti e in particolare che "sarà rifinanziata la legge speciale per Venezia".

Salvini, in precedenza, aveva ricordato la proposta della Lega per prevedere nella manovra finanziaria almeno un miliardo di euro.