Venezia, il picco si ferma a 150 cm /FOTO

webinfo@adnkronos.com

dall'inviato Marco Mazzù  

Alle 13.30 a Venezia è stato registrato il picco dell’onda di piena, con la marea che intorno alle 13 aveva toccato quota 150 cm. Tutta piazza San Marco è stata chiusa al transito di cittadini e turisti, gli accessi sono transennati e saranno resi nuovamente agibili solo nelle prossime ore, quando i livelli dell’acqua saranno calati fino al punto da non rendere più necessarie le misure di sicurezza. La piena si ritirerà progressivamente fino a toccare quota 30 cm alle 21.20 di questa sera. 

Con l'innalzamento della marea, gli operai addetti avevano provveduto a rimuovere per motivi di sicurezza le passerelle sopraelevate che costituivano l’unico accesso dei turisti a piazza San Marco, di nuovo completamente trasformatasi in una sorta di enorme ‘piscina’ (FOTO). 

Questa mattina qualche turista più coraggioso si è addentrato nella piazza alluvionata per scattarsi un selfie originale con vista basilica. Una scena ben diversa da quella vissuta ieri a Venezia, quando un momentaneo calo della marea aveva consentito a cittadini, visitatori e commercianti di riappropriarsi della città, regalando al territorio veneziano un giorno di normalità dopo le devastanti piene dei giorni scorsi. 

Venezia è stata assediata dal ‘circo mediatico’, con una nutrita pattuglia di inviati di numerose testate italiane e straniere, accorsi nel capoluogo veneto per documentare le eccezionali ondate di piena che in questi giorni hanno colpito la città. Per i rappresentanti dei media esteri il richiamo è soprattutto rappresentato dalle straordinarie immagini di una basilica che sembra ‘galleggiare’ sulla piazza trasformata in piscina. A questi aspetti si aggiungono poi, soprattutto per i giornalisti delle testate italiane, le ripetute visite di ministri, politici e rappresentanti istituzionali che in questi giorni alimentano il continuo flusso di notizie da Venezia.  

Direttore Caffè Florian: "Danni per 100mila euro"  

Al Casinò le serate non cambiano: la marea non fa paura