##Venezuela, Guaidò a Bruxelles chiede il sostegno dell'Europa -5-

Loc

Bruxelles, 22 gen. (askanews) - Per questo, "con il Gruppo di Contatto c'è senza dubbio un'opportunità", ma "bisogna fare pressione", e per questo "le sanzioni sono importanti, e tutti i mezzi che possano far giungere il messaggio, per arrivare a un'alternativa pragmatica e realista per il Venezuela".

Rispondendo a un'altra domanda sulle elezioni annunciate da Maduro 10 giorni fa, Guaidó ha puntualizzato: "Ciò che chiediamo per avere elezioni è un minimo di condizioni. Solo in una dittatura si mettono aggettivi alle elezioni: libere, competitive, verificabili, osservabili, trasparenti: sono condizioni che oggi non abbiamo; oggi non abbiamo il diritto di eleggere ed essere eletti. Ci sono - ha ricordato - 32 parlamentari in stato di vulnerabilità (a cui è stata tolta l'immunità, ndr), centinaia di persone disabilitate politicamente, partiti politici resi illegali. Non c'è un arbitro elettorale credibile e affidabile. Per avere elezioni ci devono essere le condizioni. Le elezioni che ha proclamato Maduro - ha sottolineato - servono a tentare di confondere l'opinione pubblica internazionale". (Segue)