Venezuela, MSF: profughi in Brasile in condizioni precarie -4-

Red

Roma, 30 ago. (askanews) - "C'è molta polvere e l'acqua è sporca in questo posto, tutti elementi che fanno ammalare noi e i nostri bambini" dice Cezar Martínez, un uomo venezuelano che passa le notti vicino alla stazione dei bus con la moglie e tre bambini. Di sera, le persone ricevono un pasto gratis in una mensa non lontana. Ma l'area deve essere sgomberata ogni mattina alle sei e solo le persone malate possono restare durante il giorno. Cezar dice che la situazione in cui si trovano è particolarmente difficile, ma è grato a tutte le organizzazioni e singoli individui che in Brasile stanno aiutando la sua famiglia e altri venezuelani.

I campi per gruppi indigeni: condizioni ancora peggiori

Le condizioni di vita nei 13 campi ufficiali sono molto basiche, ma sono ancora peggiori nei due campi dedicati ai gruppi indigeni: Janokoida, nella città di Pacaraima, e Pintolândia a Boa Vista.(Segue)