Venezuela: scontri a Caracas tra gli oppositori di Maduro e la polizia

Resta alta la tensione in Venezuela. Scontri sono scoppiati a Caracas tra gli oppositori di Nicolas Maduro e la polizia. Al grido “no alla dittatura” in 5000 si sono ritrovati per marciare verso il centro della capitale. A El Recreo, quartiere nella parte est di Caracas, gli agenti hanno usato gas lacrimogeni e cariche per disperdere i manifestanti, molti dei quali a volto coperto, che hanno risposto lanciando delle pietre. Nella zona del Parlamento si sono radunati, invece, i sostenitori del presidente socialista che denunciano presunte interferenze straniere nella crisi che sta vivendo il paese. Le proteste anti-Maduro sono scoppiate quando a fine marzo la corte suprema, considerata vicina al presidente, aveva preso la decisione – poi revocata – di usurpare le funzioni legislative del parlamento, togliendo ai deputati l’immunità. La folla ha subito gridato al colpo di stato contro il parlamento, dove l’opposizione ha la maggioranza.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità