Venti di burrasca da Nord a Sud, domani allerta gialla in 3 regioni

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Domani allerta gialla in tre regioni per il maltempo. L’approfondimento sull’Italia di una estesa saccatura dall’Europa settentrionale determina, già dalle prossime ore, un deciso peggioramento del tempo con una marcata intensificazione dei venti dai quadranti occidentali, a partire dal Settentrione in estensione a gran parte dell’Italia, e un abbassamento delle temperature.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dal tardo pomeriggio di oggi, sabato 13 marzo, venti da forti a burrasca, dai quadranti occidentali, con raffiche di burrasca forte, sulla Valle d’Aosta, in estensione a Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Toscana, Marche e Umbria, interessando in particolar modo i settori costieri e i rilievi appenninici; dal mattino di domani, domenica 14 marzo, si prevedono venti da forti a burrasca, dai quadranti nord-occidentali e con raffiche di burrasca forte su Lazio, Abruzzo e Campania, specie sui settori costieri e montuosi; attesi, inoltre, dal primo pomeriggio di domani, venti da forti a burrasca, dai quadranti nord-occidentali, con raffiche di burrasca forte, specie sui settori costieri e montuosi, su Molise, Puglia, Basilicata e Calabria, in estensione alla Sicilia. Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, domenica 14 marzo, allerta gialla per rischio temporali su gran parte dell’Umbria, per rischio idrogeologico sull’Abruzzo occidentale e per rischio idraulico nel Basso Fortore in Puglia.