Verisure: Per 71% dei giovani livello sicurezza in Italia è scarso

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 13 set. (askanews) - A ridosso del back to school 2021, 7 giovani su 10 affermano che il livello di sicurezza in Italia sia scarso o stia peggiorando, specie a seguito della pandemia. Sono soprattutto i giovani del sud e i giovanissimi tra gli 11 e i 14 anni a risentire un calo di sicurezza mentre i ragazzi in età universitaria sembrano ormai rassegnati: per loro, la situazione non è cambiata con la pandemia, l'Italia è un Paese poco sicuro. Il 71% vorrebbe un sistema di videosorveglianza in casa e, quando avranno casa propria, 2 su 3 la doteranno sicuramente di un allarme.

Dopo oltre 1 anno e mezzo di DAD, quest'anno il 13 settembre sa quasi di "vero" back to school: in presenza. Ma quanto si sentono sicuri i più giovani ad uscire di casa? Quanto hanno risentito delle conseguenze della pandemia sul livello di sicurezza dell'Italia? Ci sono differenze tra i giovani del nord e quelli del sud? La recente ricerca di Verisure Italy e Skuola.net su un campione di oltre 2.500 under 30, si legge in una nota, risponde proprio a queste domande: - Per il 69% dei giovani, la sicurezza in Italia è scarsa o in via di peggioramento. - Al sud, i giovani si sentono meno al sicuro: il 77% dei ragazzi del sud, rispetto al 66% dei ragazzi del centro-nord, considera l'Italia poco sicura e il 30% (vs 13 al nord) afferma che il proprio quartiere non è sicuro. - I più giovani - pre-adolescenti e adolescenti - hanno percepito maggiormente una diminuzione nella sicurezza; per i più grandi (over 20) la situazione non è cambiata: l'Italia è un paese poco sicuro.

Le differenze intergenerazionali e territoriali inevitabilmente riflettono una situazione di incertezza pre-esistente, rafforzata dalla pandemia. Una ricerca di sicurezza che potrebbe risolversi con migliorie tecnologiche, come un impianto di videosorveglianza: la quasi totalità dei giovani (93%) ha piena fiducia nell'efficacia dei sistemi di sicurezza nel proteggere casa soprattutto quando si è fuori. Infatti, tra chi ha un sistema di protezione in casa, la maggior parte delle famiglie lo ha installato proprio per stare tranquilla quando esce, tra scuola e lavoro.

- E così, il 71% dei giovani afferma che si sentirebbe molto più sicuro con un sistema di videosorveglianza in casa, soprattutto i ragazzi del sud. - 2 su 3 affermano che installeranno un allarme quando avranno casa propria. - per 1 su 2, nel proprio futuro sistema di sicurezza non dovranno mancare le telecamere di videosorveglianza e per il 70% l'App per il controllo della casa da remoto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli