Verona, 40enne gratta e vince 3 milioni di euro in 20 giorni

Primo Piano
·2 minuto per la lettura

La fortuna è cieca? Non in questo caso. Un muratore 40enne originario del Brasile ma residente a Mozambano, in provincia di Mantova, ha infatti vinto per ben due volte allo stesso concorso a distanza di pochissimi giorni. La cifra che si è aggiudicato, insieme a un amico di Caprino Veronese, è da capogiro.

Il fortunato giocatore si è portato a casa due biglietti milionari al Gratta e Vinci: il primo, lo scorso 4 febbraio, (da un milione di euro), il secondo, il 24 febbraio (un ticket da ben due milioni). Inizialmente sono sorti molti sospetti sull'uomo. Quando il giocatore è andato a riscuotere il denaro nello stesso istituto bancario di Peschiera del Garda è immediatamente partita la segnalazione da parte dell’Uif (l’Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia presso la Banca d’Italia) al nucleo speciale Polizia valutaria della Guardia di Finanza.

L’intero bottino, che dedotte le imposte dell’Erario supera i due milioni e 400mila euro, è stato posto sotto sequestro con l’ipotesi di riciclaggio: per la Procura scaligera si trattava di denaro "proveniente dal delitto di accesso abusivo al sistema informatico della società concessionaria della lotteria e conseguente rivelazione di segreto".

Ma tutte le accuse al 40enne sono cadute. Dopo una serie di accertamenti, è emerso che la vincita è stata solo frutto di una casualità. "Non ho barato e non sono un imbroglione, sono soltanto un grande appassionato del gioco e infatti acquisto anche interi pacchetti di tagliandi nella speranza di vincere. Come si spiegano quegli acquisti in due province diverse? Semplicemente perché con il mio lavoro mi trovo spesso a girare in varie città, a seconda di dove si trova il cantiere", le parole del fortunato 40enne.

Le probabilità che una cosa del genere potesse accadere? Praticamente prossime allo zero.

GUARDA ANCHE - Ruba "Gratta e Vinci" per 150mila euro al bar di Milano