Verso la crisi di Governo, alta tensione nella maggioranza

·1 minuto per la lettura
Verso la crisi di Governo, alta tensione nella maggioranza
Verso la crisi di Governo, alta tensione nella maggioranza

Roma, 12 Gennaio 2021 – Tra minacce e appelli al dialogo continua a salire la tensione politica, il Consiglio dei ministri è convocato per questa sera alle 21.30 per discutere del Recovery Plan e si annuncia come una resa dei conti all’interno della maggioranza di governo. Secondo fonti di Palazzo Chigi “se Renzi ritira i sui ministri, Italia Viva sarà fuori dal prossimo esecutivo”. Un appello alla calma è arrivato dal segretario del PD Nicola Zingaretti ospite di Start su Sky TG24.

“Le elezioni anticipate penso sarebbero una sciagura per l’Italia, in piena pandemia e con la voglia delle persone di lavorare, di riaprire imprese e aziende”. “L’Italia – ha spiegato – è il principale Paese che beneficerà delle risorse europee. Nel momento di spendere andiamo a dire agli europei e al mondo che non siamo in grado e apriamo una crisi? Penso sarebbe un errore politico grave”.

Per Zingaretti il 99% degli italiani non capisce la crisi. Sulla stessa linea Luigi Di Maio secondo il quale una crisi di governo in questo momento “è inspiegabile”.

La ministra Bellanova su La7 all’Aria che tira respinge al mittente le accuse:

“Dovrebbero ringraziarci per aver posto problemi seri non per aver piantato grane, perchè le cose che abbiamo detto oggi sono condivise da tutti quelli che in questo mese dicevano bisogna fare presto”.

“Bisogna prendere atto che una fase è chiusa e capire se si possa aprire un percorso di riscrittura di un programma” ha conlcuso Bellanova.

Renzi intanto continua a ribadire che il suo partito non chiede poltrone: “Nessun atto irresponsabile, è Politica. Sarebbe irresponsabile sprecare centinaia di miliardi”.