Verso un '25 Aprile per l'Ucraina'. Il nodo delle armi a Kiev

·3 minuto per la lettura
SERGEY BOBOK / AFP

AGI - Una festa della Liberazione con gli occhi puntati a Kiev. L'Italia si prepara a celebrare il 77simo anniversazione della liberazione dal nazifascismo con commerazioni dalle quali si attende un forte segnale di solidarietà per il popolo ucraino, drammaticamente colpito dall'invasione russa.

"Dal 'nostro' 25 aprile viene un appello alla pace. Alla pace, non ad arrendersi di fronte alla prepotenza", ha scandito ieri Sergio Mattarella, ricevendo al Quirinale una delegazione delle Associazioni combattentistiche e d'arma.

"Il 25 aprile rappresenta la data fondativa della nostra democrazia, oltre che di ricomposizione dell'unità nazionale", ha aggiunto il presidente della Repubblica, ricordando che fu "una data in cui il popolo e le Forze Alleate liberarono la nostra Patria dal giogo imposto dal nazifascismo: un popolo in armi per affermare il proprio diritto alla pace dopo la guerra voluta dal regime fascista".

E proprio l'invio di armi a Kiev continua ad alimentare il dibattito pubblico italiano, con il presidente dell'Anpi Gianfranco Pagliarulo che nelle settimane scorse ha manifestato preplessità e con alcuni partiti di maggioranza, come il M5s, attraversati da tensioni interne in vista di possibili nuovi provvedimenti del governo per deliberare stanziamenti a sostegno dell'invio di ulteriori forniture militari.

"Io sono fermamente convinto che lo Stato Ucraino, il popolo ucraino, abbia il diritto a difendersi", ha affermato ieri il presidente della Camera Roberto Fico. "La lotta che, in questo momento il popolo ucraino sta facendo, è una lotta che oggi, alle porte del nostro 25 Aprile, è ancora più significativa".

"La guerra - ha rimarcato Fico - è un fallimento dell'umanità, della politica, delle diplomazie, il grande fallimento della nostra umanità, è una follia assoluta. Quindi dobbiamo sempre rincorrere la pace, lavorare per la pace ed è quello che si sta cercando di fare in tutti i modi". Mentre da palazzo Chigi è arrivata la conferma che il presidente del Consiglio Mario Draghi, attualmente in isolamento nella sua casa di Città della Pieve perchè positivo al Covid, sta preparando una visita a Kiev per incontrare il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Dopo la sospensione per la pandemia, quindi, lunedì torneranno le celebrazioni del 25 aprile con cortei in tutta Italia. A partire da Milano, manifestazione nazionale, nella quale sfileranno i vessilli delle associazioni partigiane e combattentistiche, dell'Associazione nazionale ex deportati nei lager nazisti e della Brigata ebraica. Nel capoluogo lombardo, medaglia d'oro per la Resistenza, il corteo partirà alle 14:30 da corso Venezia e arriverà in piazza Duomo per il  comizio finale durante il quale interverrà anche Tetyana Bandelyuk, una lavoratrice ucraina da tempo in Italia che ha lasciato la famiglia nel suo Paese.

Sul palco milanese, oltre al sindaco dem Giuseppe Sala, ci sarà anche il presidente dell'Anpi Pagliarulo, criticato nelle settimane scorse per i distinguo tra resistenza italiana e ucraina, il 'no' all'invio di armi a Kiev e più in generale al riarmo.

A Roma, le associazioni partigiane Fiap (Federazione Italiana Associazioni Partigiane), Anpc (Associazione nazionale partigiani cristiani), Fivl (Federazione Italiana Volontari della Liberta'), Aned (Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti), Anfim (Associazione Nazionale Famiglie Vittime Martiri Fosse Ardeatine) e l'Associazione Cristiana Ucraini in Italia, avendo raccolto l'adesione di Azione e +Europa, hanno indetto una manifestazione alle 9.30 in Piazza di Torre Argentina a Roma (via di San Nicola De' Cesarini), per "celebrare, nel giorno della Festa della Liberazione, la resistenza di allora e quella ucraina di oggi".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli