Verstappen ha vinto il GP Francia che Leclerc ha finito contro un muro

MARC DE MATTIA / DPPI via AFP

AGI - Max Verstappen vince il Gran Premio di Francia e probabilmente mette un'ipoteca sul secondo mondiale consecutivo. Tutto ciò grazie al terzo ritiro stagionale del rivale Charles Leclerc, finito contro le barriere quando era in testa alla corsa. L'olandese della Red Bull ringrazia e trionfa in solitaria, volando a +63 in vetta alla classifica sul pilota della Ferrari.

Secondo arriva Lewis Hamilton con la Mercedes per la prima volta quest'anno, dopo quattro terzi posti di cui gli ultimi tre consecutivi. Chiude il podio l'altra Mercedes di George Russell davanti a Sergio Perez e Carlos Sainz, straordinario in rimonta con la Ferrari partita dalla 19esima posizione.

Partenza 'indiavolata' di Leclerc e Verstappen che mantengono le rispettive posizioni e scappano via dal resto del gruppo, mentre Hamilton beffa Perez allo spegnimento dei semafori guadagnando subito il terzo posto. Molto bene anche Sainz dal fondo della griglia, bravo a portarsi a ridosso della 'top 10' in appena una decina di giri.

All'inizio del 17esimo giro Verstappen si ferma per la sosta, Leclerc resta fuori anche nel corso del giro successivo, ma nel tentativo di spingere per non farsi rubare la posizione con 'undercut', va in testacoda e finisce la sua gara contro le barriere per la disperazione di tutto il team Ferrari.

L'entrata della Safety Car favorisce in qualche modo l'altro ferrarista Sainz, che si ferma per cambiare gomme rimettendosi clamorosamente in corsa per un posto sul podio. Durante la sosta pero' lo spagnolo rimedia una penalita' di 5 secondi per 'unsafe release', ma continua a spingere arrivando addirittura in terza posizione superando prima Russell e poi Perez. Penalita' che Sainz sconta nel finale di gara quando viene richiamato ai box per una nuova sosta, perdendo la possibilita' di arrivare sul podio. (AGI)Sp2/Car

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli