Vertice Ue, Conte: "Abbiamo ancora da lavorare, fumata nera -3-

Loc
·2 minuto per la lettura

Bruxelles, 18 lug. (askanews) - Conte ha risposto cos quando gli stato chiesto se intenda porre un veto alla proposta Michel: "Qui non si tratta di porre il veto, si tratta di trovare un accordo. Ma voglio essere chiaro: l'Italia molto ambiziosa, ma lo non solo per difendere i propri interessi, ci che senz'altro vero, ma perch difende una proposta della Commissione europea. Noi stiamo difendendo una proposta della Commissione e le prerogative della Commissione". "Siamo anche disponibili - ha continuato - a entrare nella logica della revisione di qualche dettaglio. Ma non siamo assolutamente disponibili ad accettare una soluzione di compromesso che alteri non solo l'equilibro fra le istituzioni europee, e questa per noi una linea rossa"; ma che alteri "anche l'ambizione per quanto riguarda l'ammontare dell'intervento del recovery e il bilanciamento dell'equilibrio interno fra poste di sussidi e poste di prestito". "Dobbiamo essere molto chiari: noi - ha avvertito Conte -dobbiamo declinare un programma che favorisca la ripresa europea, soprattutto nei paesi pi colpiti, meno resilienti; quindi deve essere un programma che risponde a queste caratteristiche: adeguatezza, proporzionalit, effettivit. Se manca una di questi aspetti vuol dire che lo strumento non assolutamente n ben strutturato, n funzionale". "Per quanto riguarda l'effettivit - ha precisato - dobbiamo tenere conto che significa che questo programma deve essere assolutamente perseguibile. Se poi invece frapponiamo ostacoli operativi non serve a nessuno, n alla Francia, n alla Spagna n all'Europa. Questo il tema. A chi chiedeva se non tema che il muro dell'Olanda sia incrollabile, Conte ha risposto: "Nulla incrollabile nella vita. Vediamo domani" Quanto alla proposta italiana, "era per elaborare un coinvolgimento anche del Consiglio europeo, ma rispettoso delle prerogative della Commissione, a cui in base alle previsioni comunitarie spetta la prerogativa dell'attuazione di bilancio. Su questo non si pu transigere, una funzione che i trattati riconoscono alla Commissione. La nostra era una proposta che comunque consentiva al Consiglio di poter formulare delle osservazioni critiche, per sollecitare da parte della Commissione una maggiore attenzione, nulla di pi". Quindi, gli stato chiesto, non l'approvazione all'unanimit. "Non esiste", ha tagliato corto il premier. In Consiglio europeo, comunque, "il clima quello della consapevolezza che dobbiamo assolutamente raggiungere un risultato. Purtroppo oggi, in questa giornata, non lo abbiamo ancora raggiunto. E' una Fumata nera. Per - ha concluso - c' ancora da lavorare domani".