Vertice Ue, il commiato a Merkel e la standing ovation dei leader

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Bruxelles, 22 ott. (askanews) - I capi di Stato e di governo hanno salutato con una "standing ovation" il discorso di commiato del presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, alla cancelliera tedesca Angela Merkel e al premier svedese Stefan Lofven, entrambi a fine mandato, durante il vertice Ue in corso a Bruxelles.

Merkel ha partecipato a 107 vertici Ue nei 16 anni in cui è rimasta cancelliera, influenzando fortemente le decisioni che sono state prese dai leader e dalle istituzioni europee. Lofven è stato membro del Consiglio europeo negli ultimi sette anni, essendo stato dall'ottobre 2014 alla guida del governo svedese, e poi sfiduciato dal Parlamento a giugno.

Michel ha ringraziato calorosamente e reso omaggio a entrambi i leader con un video ricordo è che stato mostrato nell'aula del Consiglio europeo. A entrambi i leader è stato consegnato un regalo commemorativo, una raffigurazione artistica stilizzata dell'Europa Building, la sede del Consiglio europeo, che ricorda stranamente le immagini del film "Alien".

Di Lofven, Michel ha sottolineato lo stile "cool", la "presenza forte e rassicurante", le sue "convinzioni molto solide", il suo atteggiamento "rispettoso, di grande sincerità e apertura", il suo "impegno per il progresso sociale", che si è concretizzato in particolare con il vertice sui diritti sociali a Goteborg nel 2017.

Il presidente del Consiglio europeo si è poi rivolto ad Angela Merkel, dicendo di sperare di non irritarla con questo omaggio, perché a lei "non piacciono le sorprese o i festeggiamenti".

Merkel ha partecipato alla metà esatta (107) delle riunioni del Consiglio europeo, che sono state 214 da quando questa istituzione è stata creata. Il suo addio alla scena europea "ci tocca politicamente ma ci riempie anche di emozione; sei un monumento", ha detto Michel rivolto alla cancelliera tedesca uscente.

"Il Consiglio europeo senza Angela - ha aggiunto - è come Roma senza il Vaticano o Parigi senza la Torre Eiffel. La tua saggezza ci mancherà soprattutto nei momenti più difficili".

Il presidente del Consiglio europeo ha poi rilevato alcune qualità della Merkel: "Curiosità scientifica e intellettuale, e semplicità, sobrietà".

"Il tuo spirito e la tua esperienza rimarranno con noi, rimarrai una luce splendente del nostro progetto europeo", ha concluso Michel, accolto dalla standing ovation dei leader.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli