Vestager: Ue difenderà propri interessi ma con maggioranza variabile

Red/rus

Roma, 4 nov. (askanews) - "Non abbiamo scelta: a seconda dei dossier inviteremo i gruppi a collaborare e chiederemo i loro voti. Non porteremo in aula proposte prendere o lasciare. Al contrario, saremo in contatto da subito con i maggiori gruppi dicendo cosa stiamo progettando e ascolteremo le loro idee prima di chiudere i testi".

In un'intervista a "Repubblica" la commissaria Antitrust e vicepresidente della Commissione Ue, Margrethe Vestager, spiega che "è una situazione senza precedenti con tre candidati rigettati. Penso che tutti abbiano avuto modo di riflettere e capito che le istituzioni devono riprendere a funzionare. Lo chiedono i cittadini. Quindi sì, penso che avremo una Commissione il primo dicembre o al massimo un po' più tardi".

Vestager sottolinea che "questo è il Parlamento che abbiamo, lo hanno scelto gli elettori. I cittadini si aspettano che i gruppi lavorino insieme. Da noi in Danimarca è normale avere una maggioranza con diversi partiti che spesso non sono d' accordo, ma poi negoziano e trovano compromessi capaci di rappresentare tutti. Certo, Ppe e socialdemocratici prima governavano in due e ora devono lavorare in tre insieme a Renew. Una nuova situazione per loro".