Vezzoli a Firenze: sculture in piazza Signoria e Palazzo Vecchio

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 21 set. (askanews) - Francesco Vezzoli, uno degli artisti italiani contemporanei più noti al mondo, porta due nuove sculture in Piazza della Signoria e a Palazzo Vecchio a Firenze. Dal 2 ottobre l'artista bresciano sarà protagonista di "Francesco Vezzoli in Florence", a cura di Cristiana Perrella e Sergio Risaliti. Il progetto - presentato dal Museo Novecento di Firenze e dal Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci di Prato - metterà in dialogo arte contemporanea e patrimonio storico artistico della città.

Vezzoli sarà peraltro il primo artista italiano vivente a realizzare un'opera site-specific per Piazza della Signoria, appositamente concepita per l'occasione.

In Piazza della Signoria Vezzoli porta un monumentale leone rampante novecentesco, installato su un basamento antico, che stritola tra le fauci una testa romana del II secolo d.C., in un pastiche tra diverse epoche artistiche che è diventato la cifra di molte opere recenti dell'artista.

Insieme all'intervento in piazza, il progetto comprende una seconda scultura, posizionata all'interno dello Studiolo di Francesco I de' Medici a Palazzo Vecchio, uno scrigno prezioso carico di misteriose suggestioni iconografiche, esoteriche e astrologiche realizzato tra il 1569 e il 1573, che per la prima volta in assoluto ospita un'opera di arte contemporanea. Su una figura di togato romana è innestata una testa "metafisica" di bronzo, citazione de Gli archeologi di De Chirico, una delle opere che meglio rappresenta il recupero della classicità in epoca moderna.

Dopo l'intervento di Francesco Vezzoli nello spazio pubblico di Firenze, il Centro Pecci di Prato dedicherà all'artista una mostra personale da febbraio 2022.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli