Via alla piattaforma Poste per i vaccini Lombardia: come funziona

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 1 apr. (askanews) - Una piattaforma all'avanguardia, sviluppata in cloud computing e programmata con un linguaggio informativo innovativo "per poter gestire grossi volumi" di traffico. Mirko Mischiatti, chief digital technology operating officer di Poste Italiane, ha presentato così la piattaforma che da venerdì 2 aprile sarà utilizzata da Regione Lombardia per la gestione della campagna di vaccinazione anti-Covid. Una unica interfaccia per monitorare tutto l'iter vaccinale: dalla prenotazione dell'appuntamento alla somministrazione. 

Ecco il link con le istruzioni per la procedura di prenotazione: ttps://prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it/come-prenotare-online

Qui il link cui accedere per le prenotazioni: https://prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it/info-prenotazione/

In alternativa è possibile prenotare la vaccinazione:

- Attraverso il numero verde: 800894545

oppure

- Nei 1.000 sportelli ATM postamat usando la tessera sanitaria

oppure

- Tramite i 4.000 postini con smartphone per chi non può uscire da casa e non ha internet

Da domani potranno prenotare la loro dose di vaccino anti-Covid i cittadini tra i 75 e i 79 anni, via via si sbloccheranno gli appuntamenti per le altre fasce d'età con la chiusura riservata agli under 40 che avranno accesso ai loro slot tra fine maggio e giugno. Per la prenotazione ci sono quattro canali a disposizione: digitale, che consente prenotazione sul sito prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it o via app; per telefono al numero 800894545; tramite i mille Postamat diffusi sul territorio lombardo; chiedendo aiuto ai 4.100 postini che potranno aiutare chi è in difficoltà con le piattaforme digitali. 

Documenti necessari al momento della prenotazione sono tessera sanitaria, codice fiscale, cap e numero di cellulare per verificare l'identità del richiedente e ricevere il promemoria dell'appuntamento. 

 "Il processo di prenotazione - ha precisato Mischiatti - prevede una prenotazione diretta, non una preadesione. Quindi chi conclude la prenotazione ce l'ha direttamente in mano. Tramite un algoritmo si tende a minimizzare la distanza tra il centro vaccinale e il comune della persona che deve essere vaccinata" in modo da indirizzare i cittadini "nel posto vicino". Il sito che a partire da domani 2 aprile sarà attivo per le prime vaccinazioni è già online.